HomePoliticaVia libera al ponte sullo Stretto, Gelardi: «Opera che non avrà eguali...

Via libera al ponte sullo Stretto, Gelardi: «Opera che non avrà eguali nel mondo»

Pubblicato il

Riceviamo e pubblichiamo:

La data del sedici marzo 2023 sarà ricordata come storica per ogni futura generazione di italiani: finalmente, grazie all’impegno e alla determinazione del Ministro Salvini, della Lega, e di tutto il Governo di centrodestra, si parte concretamente per la realizzazione del Ponte sullo Stretto di Messina con la data del 31 luglio 2024 prevista per la progettazione esecutiva, grazie anche ad una nuova e moderna governance della Società dello Stretto di Messina.

Un’opera di ingegneria civile che non avrà uguali nel mondo e che tornerà a far parlare dell’Italia come del Paese delle meraviglie dove ogni cosa diventa possibile, così come ancora oggi si parla della cupola di Santa Maria del Fiore realizzata da Brunelleschi.

Grazie alla realizzazione di quest’opera ricominceremo a stupire il mondo.

Il progetto inoltre porterà un vero e proprio shock economico in particolare sui territori di Calabria e Sicilia con un’iniezione di capitali sul territorio che produrrà lavoro e sviluppo per molti anni. E non possiamo trascurare oggi anche il rilevante impatto ecologico dell’opera che consentirà il risparmio di emissione di tonnellate di CO2 che tanto incide nei drammatici cambiamenti climatici del nostro pianeta.

Un’opera, insomma, che appartiene ad una strategia atta a colmare quel gap storico che divide le regioni del sud da quelle del nord. E l’impegno della Lega per il Paese e per il sud non si ferma a questo, il Partito mantiene le promesse con i suoi elettori portando a casa il via libera per la riforma fiscale, e, grazie anche alla tenacia del ministro Calderoli anche quello per l’autonomia differenziata. Tutti progetti di grande spessore e grande importanza per la nazione.

E forse non è un caso se storicamente l’unica traccia di una possibile realizzazione di Ponte sullo Stretto ci viene narrata da Plinio il Vecchio e da Strabone quando, durante la prima guerra punica, venne costruito un ponte di barche e botti dall’esercito romano per consentire il passaggio degli elefanti da guerra catturati ai cartaginesi. Un’opera che evidentemente, se pur temporanea, portò grande fortuna ad una civiltà che di lì a poco avrebbe definitivamente lasciato il suo segno nella storia dell’umanità.

Indipendentemente dalla querelle storica sul fatto, di certo la fiducia nei propri mezzi e la voglia di osare sono componenti fondamentali per la realizzazione di grandi imprese.

L’impegno del Presidente Occhiuto darà ulteriore impulso e certezza alla realizzazione dell’opera. Sono sicuro che con questi presupposti e con questi progetti, anche l’Italia di oggi potrà ottenere nuovi e brillanti successi.

Giuseppe Gelardi

Presidente del gruppo “Lega Salvini Calabria”

Ultimi Articoli

Ue, Denis Nesci: «La scelta su Von Der Leyen coerente con il risultato del 9 giugno»

L'europarlamentare di Fdi: «Il nostro paese è un interlocutore imprescindibile e necessario in ambito europeo»

Applausi per “Vurrìa” al teatro Manfroce di Palmi

L'opera è stata scritta dall'attore cosentino Matteo Lombardo

Dalla Calabria alla Francia per una grande “festa italiana”

Una grande “festa italiana” ha ospitato gli stand di vere e proprie eccellenze del settore enogastronomico italiano, con la Calabria tra i protagonisti

Taurianova, Biasi: «Tolleranza zero contro i furti d’acqua»

Il sindaco avvisa i cittadini che sono iniziati controlli a tappeto in tutto il territorio per risalire a eventuali allacci irregolari

Ue, Denis Nesci: «La scelta su Von Der Leyen coerente con il risultato del 9 giugno»

L'europarlamentare di Fdi: «Il nostro paese è un interlocutore imprescindibile e necessario in ambito europeo»

Taurianova, Biasi: «Tolleranza zero contro i furti d’acqua»

Il sindaco avvisa i cittadini che sono iniziati controlli a tappeto in tutto il territorio per risalire a eventuali allacci irregolari

Esecutivo Regionale Calabria, Nesci: «A Pietropaolo e Calabrese un ruolo di primo piano»

La nota dell'europarlamentare dopo le nuove nomine