HomeCronacaUcciso nel ragusano Michele Brandimarte

Ucciso nel ragusano Michele Brandimarte

Pubblicato il

VITTORIA (RG) – Agguato nel pomeriggio a Vittoria, nel ragusano. Un uomo di Gioia Tauro, Michele Brandimarte classe ’61, è stato raggiunto da numerosi colpi di pistola calibro 7,65 ed è morto sul colpo.

Brandimarte era fratello di Giuseppe e Vincenzo, arrestati per la morte di Giuseppe Priolo ed assolti in primo grado al termine del processo con rito abbreviato; era padre della donna che aveva sposato Vincenzo Priolo, ucciso a Gioia Tauro nel luglio del 2011.

La vittima aveva precedenti per 416-bis, associazione a delinquere di stampo mafioso, traffico di droga e altri reati

I carabinieri indagano sull’omicidio, alla ricerca di particolari per capire per quali motivi l’uomo si trovasse in Sicilia. Non è esclusa al momento l’ipotesi di probabile vendetta trasversale.
Sull’omicidio ha aperto un’inchiesta la Procura di Ragusa.

Ultimi Articoli

Massiva attività di estorsione e assenza di denunce: così la ‘ndrangheta si è presa il territorio

Le parole del procuratore capo di Catanzaro Gratteri, e del Prefetto Messina descrivono una realtà drammatica che inquina fortemente l'economia

Cittanova, al Gentile in scena “Ditegli sempre di sì” di Eduardo De Filippo

In scena martedì 31 gennaio per la XIX Stagione Teatrale

Facoltà di Medicina a Reggio Calabria, riunito il tavolo istituzionale per l’avvio del percorso

Presenti i rappresentanti della Città Metropolitana, del Comune, della Camera di Commercio, dell'Ordine dei Medici e dell'Università Mediterranea.

Nei guai l’ex dirigente della Regione Pasquale Anastasi. L’accusa è di traffico illecito di influenze

Ai domiciliari anche un altro dirigente della Regione, Rodolfo Bova

Massiva attività di estorsione e assenza di denunce: così la ‘ndrangheta si è presa il territorio

Le parole del procuratore capo di Catanzaro Gratteri, e del Prefetto Messina descrivono una realtà drammatica che inquina fortemente l'economia

Nei guai l’ex dirigente della Regione Pasquale Anastasi. L’accusa è di traffico illecito di influenze

Ai domiciliari anche un altro dirigente della Regione, Rodolfo Bova