Tentata estorsione alla ditta che lavorava a Pille: due arresti a Palmi

I fatti risalgono al 2012; finiscono in carcere Rocco Papasergio e Francesco Romeo, ritenuti vicini alla cosca dei Gallico

Il commissariato di Polizia di Palmi

«Fuori i soldi, altrimenti diamo fuoco ai vostri mezzi». Così, secondo gli inquirenti, Rocco Papasergio e Francesco Romeo, entrambi palmesi di 41 e 37 anni, minacciarono nel 2012 gli operai di una ditta che stava eseguendo i lavori di recupero urbano nel quartiere Pille di Palmi.

I due furono arrestati al termine di un’attività di indagine condotta dai militari della Stazione di Palmi, guidati dal maresciallo Giovanni Calabria, grazie alla collaborazione degli operai minacciati.

British Scrivici Ape maia Dolce aroma

Ieri gli agenti del commissariato di Polizia di Palmi hanno eseguito le due ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse nei confronti di Papasergio e Romeo, per i reati di associazione a delinquere di stampo mafioso e tentata estorsione aggravata.

Secondo il gip del Tribunale di Palmi le due persone arrestate sarebbero vicine alla cosca dei Gallico di Palmi.

Ancora una volta, le indagini della Polizia di Stato, coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria, hanno consentito di accertare la pressante attività estorsiva delle cosche di ‘ndrangheta nei confronti della ditte aggiudicatrici di appalti pubblici, che si è vista costretta, qualche tempo dopo, ad abbandonare il cantiere.

The studio wedding Lab
The studio wedding Lab
The studio wedding Lab
The studio wedding Lab
CONDIVIDI
Articolo precedenteGioia Tauro, due arresti della Polizia
Articolo successivoPiana Stampa di lunedì 15 ottobre 2018
Sognava di fare la giornalista già da bambina quando imitava i conduttori dei tg davanti alla tv. Dopo la laurea in Scienze della Comunicazione torna in Calabria e realizza il suo sogno. Sempre meglio che lavorare!