HomeAltre Notizie"Sigillo di garanzia" per il pane rosarnese

“Sigillo di garanzia” per il pane rosarnese

Pubblicato il

Il sindaco di Rosarno

ROSARNO (16 luglio 2011) – Operazione “Pane Sicuro”: un “sigillo di garanzia” indicherà la correttezza produttiva ed igienica del pane venduto nella cittadina medmea. Gli incontri avvenuti nell’arco degli ultimi mesi tra amministratori cittadini, panificatori e Confesercenti hanno portato alla creazione di un protocollo d’intesa. Elisabetta Tripodi, sindaco di Rosarno e Michele Brilli, assessore alle attività produttive, hanno pensato ad una “carta dei valori”  per la salvaguardia sia dei commercianti che dei cittadini. «Negli ultimi due mesi la lotta all’abusivismo è stata portata avanti con particolare intensità – ha commentato la Tripodi – sia grazie ai tempestivi comunicati informativi indirizzati, dall’ente comunale, alla cittadinanza, sia attraverso l’impegno dei vigili provinciali, distaccati in città, impegnati nel controllo del territorio».

Anche i panificatori dovranno però seguire alcuni obblighi, se decideranno di aderire al protocollo «dichiarando al comune di produrre il pane secondo metodologie igienicamente controllate, ed attraverso l’impiego di personale regolarmente assunto e retribuito.

Michele Brilli

Dovranno essere indicati i luoghi di vendita e di produzione in cui vorranno esporre gli adesivi dell’Ente comunale in cui si attesterà che la produzione del pane è sicura e legale».  Si punta quindi sulla trasparenza, «affinchè sia data una maggiore importanza all’informazione sui rischi delle produzioni abusive – ha aggiunto Brilli – delle quali non si conosce la correttezza igienica impiegata durante il ciclo di produzione»

Francesco Comandè

Ultimi Articoli

La Parrocchia ponte tra generazioni nella 45ª Giornata nazionale per la vita

Per celebrare la 45ª Giornata nazionale per la vita la Parrocchia Santa Marina Vergine...

‘Ndrangheta, chiuse le indagini sulla prima “locale” romana: 67 a rischio processo

A capo del gruppo criminale ci sarebbero Antonio Carzo e Vincenzo Alvaro, appartenenti a storiche famiglie di 'ndrangheta di Cosoleto

Maxi sequestro da 45 mln di euro, i fratelli Berna negano ogni coinvolgimento

È quanto afferma in una nota l'avvocato Emilia Eva Giurato, difensore dei due imprenditori

Laureana, ancora chiuso il tratto di strada pedemontana

Da ormai più di un biennio la strada, realizzata di recente, che permetterebbe un alleggerimento del traffico sulla SGC, non è praticabile e non se ne conosce il motivo

‘Ndrangheta: Estorsioni, sequestri e riciclaggio. Arrestate 56 persone in tutta Italia

L'operazione di polizia a Vibo Valentia, Catanzaro, Reggio Calabria, Palermo, Avellino, Benevento, Parma, Milano, Cuneo, L’Aquila, Spoleto e Civitavecchia

Arresti ‘ndrangheta: i nomi dei soggetti coinvolti

Tra gli arrestati anche persone di Palmi, Taurianova, Barritteri di Seminara, Gioia Tauro e Polistena