Polistena: Il sindacato degli infermieri denuncia le carenze dell’ospedale

0
655

POLISTENA (14 luglio 2011) – La struttura ospedaliera di Polistena è oggetto di denuncia da parte del sindacato infermieri italiani “Nursing up”. Ieri pomeriggio, il commissario regionale del sindacato, Stefano Sisinni, ha denunciato alla stazione dei Carabinieri di Polistena le carenze e i disservizi che il presidio presenta.

In particolare rispetto alle condizioni della sala operatoria. Avendo, anche in passato, lamentato varie situazioni di indigenza. Un fatto grave. Che pone sotto le luci della ribalta un ospedale, il “Santa Maria degli Ungheresi”, che pare una delle strutture più efficienti della Piana. Già dal 2010 il personale dell’ospedale aveva lamentato che l’impianto di climatizzazione del blocco non era efficiente, una delle sale – sempre secondo le segnalazioni del 2010 e secondo quando specificato nel testo scaturito dalla denuncia – era stata adibita a deposito dei cartelli delle pulizie, o per lo stoccaggio dei rifiuti speciali. Da queste anomalie sono scaturiti degli incontri con i vertici della sanità calabrese. Ma ad oggi, evidentemente, la situazione è rimasta tale.

Anzi, dalla denuncia raccolta dal maresciallo Leonardo Ribuffo, pare che la situazione sia addirittura peggiorata. In quanto nel presidio polistenese gli ascensori non funzionano ed il trasporto dei malati avviene tramite l’ascensore delle sale operatorie. Disagi su disagi dunque. E il caldo e l’afa di questa estate non aiutano a limitare i fastidi. Né la tensione del personale che deve lavorare in condizioni di emergenza, né quella dei pazienti che per ovvi motivi non possono sopportare tali disservizi. E pensare che qualche mese fa il governatore della Calabria, Giuseppe Scopelliti, arrivò in pompa magna a visitare il presidio, in occasione dell’inaugurazione del nuovo Pronto soccorso. Che ora ha le pareti colorate per accogliere bene le emergenze.

Angela Corica