HomeSocietàParlare ai più giovani della cultura del rispetto per costruire un futuro...

Parlare ai più giovani della cultura del rispetto per costruire un futuro senza violenza

Pubblicato il

Si è tenuto ieri a Palmi, nell’auditorium dell’Istituto di Istruzione Superiore “Nicola Pizi”, la conferenza “Violenza di genere: legalità, scuola e società”, organizzata dal Lions Club di Palmi.

L’evento rientra tra le iniziative volte a sensibilizzare la cittadinanza sul tema della lotta alla violenza di genere, in particolar modo con riferimento alla lotta alla violenza contro la donna.

Il presidente del Club, Domenico Barone, dopo aver invitato tutti a riflettere sull’importanza del ruolo della famiglia, primo nucleo di formazione dei giovani, ha dato la parola alle autorità presenti per un breve indirizzo di saluto

A seguire, gli interventi il dirigente dell’Istituto, Maria Domenica Mallamaci, del sindaco di Palmi, Giuseppe Ranuccio, del Presidente del Tribunale di Palmi, Concettina Epifanio, del Procuratore della Repubblica di Palmi, Emanuele Crescenti.

Tutti gli intervenuti hanno sottolineato l’importanza della diffusione della cultura del rispetto, soprattutto tra i giovani, spesso vittime inconsapevoli di violenza fisica e morale.

Ha introdotto e moderato i lavori Federica Foti, socia del Lions Club e rappresentante del Service New Voice del Lions International, che ha voluto sollecitare i giovani studenti a non sottovalutare il fenomeno e a essere pronti ad aprirsi con quanti, familiari, professori, amici, li circondano.

È quindi stata la volta di Veronica Origlio, sostituto Procuratore presso il Tribunale di Palmi che, anche al fine di evidenziare la necessità che alle modifiche legislative segua un cambio di mentalità, ha illustrato come nei decenni si sia assistito ad un graduale aumento della tutela della donna, anche attraverso il racconto di una storia vera di “ribellione” di una giovane siciliana al cosiddetto “matrimonio riparatore”

A seguire, il maresciallo dei carabinieri Martina Piconeri, in servizio presso la Stazione di Palmi, che dopo aver illustrato agli studenti un caso di maltrattamenti in famiglia del quale si è occupata, ha invitato i giovani a confidarsi con gli adulti e, soprattutto, ad avere fiducia nell’Arma.

La psicologa Sofia Ciappina ha affrontato il tema delle relazioni sociali tra ragazzi e ragazze, dell’educazione alle emozioni e del rispetto senza sottomissione, coinvolgendo gli studenti in un dibattito sul tema.

L’evento sarà replicato nelle scuole palmesi, al fine di rendere concreto e compiuto sul territorio e per i cittadini il motto Lions “We serve”.

Ultimi Articoli

Autorità portuale, Pasquale Faraone nominato segretario generale

Il dirigente subentra ad Alessandro Guerri che ha lasciato l'incarico ricoperto dallo scorso gennaio

Il premio “Stefano Viola“ a Davide Possanzini: l’accoglienza di Falcomatà

Il sindaco: «Eroe di una Reggina da serie A, ci ricorda chi siamo stati e chi vogliamo tornare a essere»

Gioia Tauro: Minaccia di morte sui social da parte delle “Brigate Rosse”, identificato l’autore dai Carabinieri

I Carabinieri hanno identificato e deferito l'autore delle minacce di morte pubblicate sui social...

Cultura e fede in don Francesco Laruffa

L’intitolazione della Sala Biblioteca a don Francesco Laruffa nella scuola secondaria di primo grado...

Cultura e fede in don Francesco Laruffa

L’intitolazione della Sala Biblioteca a don Francesco Laruffa nella scuola secondaria di primo grado...

Reggio Calabria e lo chef Cogliandro in onda su Rai 2 a “Eat Parade”

Sabato 15 giugno sarà trasmessa la puntata dedicata alla città calabrese

“Canti, culuri e balli da me terra”: a Palmi le tradizioni si insegnano giocando

Gli alunni della scuola paritaria dell'infanzia Peter Pan protagonisti di una rappresentazione che ha esaltato il patrimonio culturale della città