Omicidio Ianni, la Cassazione annulla la sentenza di assoluzione di Costantino

disposto un nuovo giudizio che si terrà a Reggio davanti alla Corte di Assise di appello

0
2430
La Corte di Cassazione

Questo pomeriggio la prima sezione penale della suprema Corte di cassazione ha annullato la sentenza con la quale la Corte di Appello di Reggio Calabria aveva assolto Salvatore Costantino, condannato a 30 anni dalla Corte di assise di palmi per lo omicidio di Domenico Ianni.

La Cassazione ha disposto un nuovo giudizio che si terrà a Reggio davanti alla Corte di Assise di appello.

La moglie ed il figlio della vittima, sono stati difesi come parte civile dall’avvocato Giuseppe Macino, mentre l’avvocato Francesco Albanese ha difeso la mamma ed i fratelli.

I legali di Costantino sono gli avvocati Gatto e Staiano.

L’omicidio è avvenuto nelle campagne di Seminara nel settembre del 2012.

Subito dopo l’omicidio, le dichiarazioni di Eugen Dimov avevano portato all’arresto dei fratelli Costantino. I difensori (Lorenzo Gatto e Salvatore Staiano) dei due fratelli seminaresi avevano evidenziato le contraddizioni emerse nelle dichiarazioni dell’operaio bulgaro che avrebbe cambiato pià volte la propria versione dei fatti.

Al termine del processo di Palmi era stato assolto Antonio Costantino e condannato a 30 anni il fratello Salvatore.

La corte reggina, aveva poi accolto le tesi degli avvocati di Costantino e lo aveva assolto.

Domenico Ianni è stato ucciso nelle campagne di Seminara il 29 settembre del 2012; nella stessa occasione un bracciante agricolo che lavorava per lui, Eugen Dimov, è rimasto gravemente ferito ad un occhio.