Miasmi al depuratore, Alessio: apertamente schierati con i cittadini del Fiume

Il primo cittadino ha invitato i gioiesi a protestare il 25 giugno in occasione dell'assemblea dei soci della Iam

Alcuni abitanti del quartiere davanti al depuratore

“Sono schierato con i cittadini del quartiere fiume in difesa del loro sacrosanto diritto alla salute”.

Inizia con queste parole il comunicato diffuso pochi minuti fa dal sindaco di Gioia Tauro Aldo Alessio, al termine dell’ennesima giornata segnata dal cattivo odore derivante dal depuratore.

il buon caffè della Piana il buon caffè della Piana il buon caffè della Piana Ape maia

Ancora una volta gli abitanti del quartiere Fiume hanno deciso di scendere in strada per manifestare la loro sofferenza. Il caldo torrido ha infatti reso ancora più grave la situazione e ha costretto le persone a stare in casa con porte e finestre chiuse.

Avviso alla Iam

“La Iam deve sapere – ha scritto ancora Alessio – che la nuova Amministrazione sarà apertamente schierata a sostegno di questa giusta causa e metterà in atto tutta la pressione istituzionale possibile per far finalmente funzionare bene l’impianto o per sostituire la Società che non è in grado di gestire il depuratore.

La Regione Calabria che ha la competenza istituzionale sulla depurazione delle acque deve prendere posizione per garantire il buon funzionamento degli impianti così come avviene in tutto il resto del mondo.

Auspico – ha dichiarato ancora il neo sindaco – che anche la Magistratura svolga le dovute indagini a garanzia della salute dei cittadini”.

La protesta durante l’assemblea

“Il 25 Giugno alle 11 – ha proseguito Alessio – durante l’assemblea dei soci della Iam, faremo sentire alta e forte la nostra voce affinché si cambi registro anche rispetto al conferimento dei numerosi bottini che non contribuiscono certamente a migliorare la situazione.

Invito tutti i cittadini a presentarsi in quell’occasione davanti all’impianto per manifestare in maniera forte il dissenso contro questa pessima gestione che resterà nei libri di storia come modello da non seguire.

Non ci fermeremo – ha conclusoil sindaco di Gioia Tauro – fino alla vittoria perché la salute della gente non può essere barattata con il profitto”.