L’associazione “Penelope” visita il porto

0
514

GIOIA TAURO (13 luglio 2011) – Per il secondo anno consecutivo, la cooperativa sociale Onlus “Penelope” di Palmi, ha portato i propri ragazzi, affetti dalla Sindrome di Prader Willi, assegnati nell’ambito del “Servizio soggiorno estivo 2011”, a far visita alla Capitaneria di porto di Gioia Tauro.

Seguiti da alcuni accompagnatori e da Carmela Melissari, presidente della cooperativa, i ragazzi hanno dimostrato grande entusiasmo, specie durante il giro sulla motovedetta della Guardia Costiera, dalla quale era possibile osservare da vicino la vita lavorativa del porto.

Ad accogliere il gruppo è stato il Comandante della Capitaneria di Porto di Gioia Tauro C.F.(CP) Giuseppe Andronaco, che ancora una volta dimostra un grande impegno nel sociale e disponibilità verso il mondo dei giovani.

«Navigando all’interno dello specchio portuale i ragazzi erano contenti nel vedere, probabilmente per la prima volta, le navi da vicino e l’attività di movimentazione container. – si legge nella nota diffusa dalla Capitaneria – La visita ha dato loro la possibilità di conoscere l’area portuale gioiese e di interagire con il personale militare, trascorrendo momenti in mare a bordo delle unità della Guardia Costiera».

I ragazzi hanno inoltre fatto visita agli uffici della Capitaneria di Porto, prima di concludere un’esperienza dalla quale hanno imparato tanto e che ha donato loro un po’ di sana distrazione formativa.

Eva Saltalamacchia