Imprenditori pronti a investire nella Gioiese

"Le parti si incontreranno la settimana prossima per analizzare tutte le situazioni contabili del club per poi arrivare ad un closing che culminerà con la costituzione di una nuova società di cooperazione a carattere polisportivo"

lo stadio Polivalente

Riceviamo e pubblichiamo la nota diffusa dall’amministrazione comunale di Gioia Tauro e dal presidente della Gioiese Alessandro Avella:

L’amministrazione comunale di Gioia Tauro e la Gioiese Football Club comunicano agli sportivi e ai cittadini gioiesi tutti che ieri si è svolto un incontro tra alcuni membri dell’amministrazione comunale (presenti il sindaco Aldo Alessio, il vice sindaco Valerio Romano, l’assessore allo sport Rocco Italiano e i consiglieri Enzo Filippone e Andrea Macino), il presidente della Gioiese, Alessandro Avella ed alcuni operatori economici pianigiani.

Motivo dell’incontro era quello affrontare i problemi che sta vivendo la maggiore realtà calcistica cittadina, ponendo in essere le giuste misure che possano salvaguardare un patrimonio storico di Gioia Tauro.

L’amministrazione gioiese si è posta sin da subito, tra le varie priorità, la promozione e l’incremento delle attività sportive esistenti sul territorio.

Lo sport come cultura e veicolo essenziale della crescita sociale di tutta la comunità.

La squadra di calcio, che da sempre rappresenta una delle maggiori attrattive, motivo di vanto ed orgoglio per il blasone e la storia che l’accompagnano, vive oggi un momento di difficoltà, legate soprattutto ad un’economia differente rispetto al passato.

Ed in momenti come questi, il compito di un’amministrazione è quello di vigilare ed aiutare, coi mezzi e le capacità disponibili, invogliando le grosse realtà economiche ad investire nello sport.

Ad oggi, esistono alcuni operatori economici della Piana, disponibili a creare qualcosa d’importante, in un’ottica di una cooperazione allargata, con tutti coloro i quali avranno la voglia e la possibilità di far tornare grande una realtà che cela dentro di se grandi potenzialità.

L’amministrazione si farà carico di creare un tavolo tecnico che andrà ad esaminare i problemi vincolati alla struttura sportiva, lo stadio polivalente “Pasquale Stanganelli” e di mettere in condizione la futura società, che entrerà a far parte della Gioiese, di poter lavorare al meglio, in un’ottica di rilancio del calcio gioiese.

Sarà un percorso difficile, ma che col tempo potrà sicuramente dare i frutti sperati. Si punterà, quindi, a creare delle basi solide sulle quali fondare la nuova Casa Gioiese; senza voli pindarici, senza proclami di sorta, ma con tanta voglia di fare bene per la Città.

Fatte le dovute premesse, quindi, le parti in causa, si incontreranno la settimana prossima per analizzare tutte le situazioni contabili del club per poi arrivare ad un closing che culminerà con la costituzione di una nuova società di cooperazione a carattere polisportivo.

Un progetto condiviso con l’attuale dirigenza viola ed il suo attuale massimo esponente che si è speso in prima persona negli anni, affinché la Gioiese continuasse ad esistere e che, così come garantito nella riunione pubblica tenutasi, nei giorni scorsi, allestirà un team in grado di poter affrontare dignitosamente il campionato.