Il teatro tra tecniche e passioni: “Podbook” ospita Pippo Del Bono

Ospiti della puntata del 17 Maggio anche Fabio Vincenzi, Annalaura Orrico e Michele Sciancalepore

0
149

Tutto pronto per il quinto appuntamento promosso dall’assessorato alla cultura di Palmi, rappresentato dall’assessore Wladimiro Maisano, all’interno della versione online di “Street book”, ossia “Podbook”.

Questo pomeriggio, a partire dalle 16, nella diretta Facebook della rubrica “With or Without you”, saranno ospiti l’attore e regista Pippo Del Bono e Fabio Vincenzi, che parleranno di teatro tra tecniche e passioni. 

Alle 16:20 entrerà in diretta l’onorevole Annalaura Orrico, sottosegretario del Mibact, ed alle 16:40 si aggiungerà Michele Sciancalepore, conduttore di Tv2000.

Le iniziative “With or without you” e “Podbook”, promosse dall’Assessorato alla cultura di Palmi insieme alla commissione assessorile, nascono dall’idea di dare voce, in questi tempi difficili, al teatro, alle opere d’arte e alla cultura in genere, che ha molto sofferto le dure restrizioni, seppur necessarie, imposte per fare fronte a questa pandemia. 

“With or Without you” e “Podbook”, on line, mostrano così non solo ciò che è abitualmente accessibile al pubblico, ma anche il dietro le quinte dei beni culturali ,della letteratura, del teatro grazie agli interventi delle  numerose professionalità che se ne occupano; un modo al tempo stesso, di rimanere vicini ai cittadini,  rendendoli sempre più partecipi e attivi.

«Quest’anno sarà certamente più difficile visitare le nostre meraviglie, tornare a teatro o al cinema, e sarà più difficile andare in giro per il mondo – scrive l’assessore Maisano – Avremo però un’occasione in più: riscoprire l’infinito  bellezza dell’Italia, fatta di grandi luoghi conosciuti, ma anche di borghi, di grandi libri e piccolo gioielli, di grandi e piccoli teatri. Lo potremo fare anche attraverso il web, un’occasione che Streetbook ha colto nella sua interezza, promuovendo la creazione e di sinergie e la partecipazione e cittadinanza attiva, e l’idea che la cultura e il turismo sono davvero la forza del nostro Paese. Il motivo per cui l’Italia è conosciuta come eccellenza in tutto il mondo».