Crisi al Porto, anche la Uil accusa Mct

Il comunicato del segretario regionale Biondo

Nelle stesse ore in cui i portuali in sciopero stanno valutando con quali forme dare seguito alla protesta avviata mercoledì scorso, i sindacati stanno delineando la propria posizione dopo la riunione che si è svolta ieri al ministero dei trasporti per parlare della vertenza gioiese.

L’ultimo in ordine di tempo a diffondere un comunicato stampa è stato il segretario regionale della Uil Calabria Santo Biondo.

British il buon caffè della Piana Ape maia il buon caffè della Piana

“La riunione tenutasi presso il Ministero delle Infrastrutture sulla vertenza Gioia Tauro – si legge nella nota – accresce la nostra preoccupazione sul futuro del porto. L’assenza dell’azienda è gravissima e dimostra quello che stiamo dicendo da tanto tempo e cioè che l’impresa ha scelto di assumere un atteggiamento sfidante nei confronti dei lavoratori e delle Organizzazioni sindacali, così come aveva fatto negli anni passati”.

“Oggi – prosegue Biondo – siamo chiamati a ringraziare il Prefetto di Reggio Calabria, Michele di Bari che ha prontamente raccolto il nostro messaggio e aperto il canale istituzionale utile per convocare il tavolo ministeriale. Lo stesso dobbiamo fare nei confronti del Ministro Toninelli che, davanti all’ostruzionismo dell’azienda, ha assunto una posizione di netta critica nei confronti di questo atteggiamento”.

La Uil Calabria aggiunge che “non c’è altro tempo da perdere, va data pronta risposta alla richiesta di convocazione di un tavolo a Palazzo Chigi, così come avanzata dai Sindacati confederali calabresi. Questo perché il problema Gioia Tauro è talmente ampio che non può essere affrontato e risolto solo davanti ad un tavolo tecnico”.

“Al Consiglio regionale della Calabria – conclude Biondo – chiediamo di attivarsi per convocare una seduta ad hoc per discutere della vertenza Gioia Tauro e dare vita, senza tentennamenti, ad un documento unitario che impegni il Governo alla sua risoluzione. Invitiamo, infine, la deputazione parlamentare calabrese a mobilitarsi per far sentire forti e chiare, anche a Roma, le richieste dei lavoratori portuali e delle Organizzazioni sindacali che lo stanno supportando”.