Comunali: Gioia in Azione chiede una interpartitica

0
746

Riceviamo e pubblichiamo:
L’appuntamento elettorale per il rinnovo del Consiglio Comunale di Gioia Tauro si avvicina e, com’è giusto che sia, la Città è in fermento.

Vincenzo Bagalà
Vincenzo Bagalà
Ciò che sta accadendo nel centrodestra, tuttavia, è quantomeno insolito: il dibattito, seppure acceso, pare più incentrato su individualità singole che su partiti, movimenti e associazioni politiche.

Tale deriva non appare accettabile, atteso che la scelta del candidato a Sindaco per il centrodestra gioiese dovrebbe essere espressa da un’intera classe dirigente, piuttosto che da pochi uomini che, peraltro, non sono nuovi ad esperienze politiche in Città.

Il Movimento Gioia in Azione ed i ragazzi della giovanile proporranno, per questo motivo, una riunione interpartitica, aperta ai movimenti, alle associazioni ed alle forze sane del territorio.

Occorre rivolgersi a chi sappia confrontarsi su programmi concreti e su una nuova idea dell’amministrazione della Città, innovativa, che sappia guardare al futuro liberandosi di antiche zavorre.

In conclusione, Gioia in Azione – riconoscendo qualità umane e politiche a Giuseppe Pedà – invita comunque alla calma e dice no alle scelte affrettate ed alle imposizioni: il futuro Sindaco della Città avrà l’onere e l’onore di guidare una delle realtà più importanti del Mediterraneo in una delle fasi più delicate dei nostri tempi.

Il quinquennio 2015-2020 è l’ultimo treno per Gioia Tauro ed una sindacatura che non risultasse incisiva ed innovativa, metterebbe la parola fine alla speranza di un reale cambiamento.

Vincenzo Bagalà
responsabile del Movimento Politico “Gioia in Azione”