Teodoro Mazzaferro trasferito in carcere dai carabinieri

0
4719

PALMI – E’ stato portato in carcere ieri il 77enne Teodoro Mazzaferro. L’imprenditore immobiliare gioiese ma residente nel comune di Palmi, era agli arresti domiciliari dal 23 dicembre del 2014 (leggi l’articolo).

Il tribunale di Palmi ha disposto l’aggravamento della misura cautelare e per questo Mazzaferro è stato trasferito in carcere.

Teodoro Mazzaferro era stato arrestato con l’accusa di porto, detenzione e occultamento di armi comuni e da guerra.

Nel corso delle indagini, i carabinieri, avevano collegato l’imprenditore gioiese a nove episodi diversi di detenzione, porto e occultamento di armi.

In un terreno situato in contrada Guardiola a Gioia Tauro, i carabinieri avevano trovato 250 proiettili 9×19 parabellum e un fucile mitragliatore smontato mentre in un muro a secco facente parte di una delle lottizzazioni di Mazzaferro, nei pressi dell’ospedale di Gioia Tauro, era stata trovata un pistola 7.65.

Gli episodi contestati risalivano al periodo che va dal giugno al luglio del 2013.

«Le lunghe attività d’indagine – scrissero il giorno dell’arresto i carabinieri in una nota per la stampa – hanno dimostrato la dimestichezza dell’anziano imprenditore gioiese, spesso sfiorato da altre attività d’indagine, a tutto ciò che aveva a che fare con le armi clandestine».