Gioia: arrestato Toro Mazzaferro

0
3126

GIOIA TAURO – E’ stato arrestato questa mattina all’alba l’imprenditore immobiliare Teodoro Mazzaferro. E’ accusato di porto, detenzione e occultamento di armi comuni e da guerra.

Ad arrestarlo sono stati i carabinieri della Compagnia di Gioia Tauro, diretti dal capitano Francesco Cinnirella che hanno eseguito l’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip del Tribunale di Palmi, Paolo Ramondino.

Nel corso delle indagini, i carabinieri, diretti dal Pm Luigi Iglio e coordinati dal Procuratore Capo Emanuele Crescenti, hanno collegato l’imprenditore gioiese di 76 anni a nove episodi diversi di detenzione, porto e occultamento di armi.

In un terreno situato in contrada Guardiola a Gioia Tauro, i carabinieri hanno trovato 250 proiettili 9×19 parabellum e un fucile mitragliatore smontato mentre in un muro a secco facente parte di una delle lottizzazioni di Mazzaferro, nei pressi dell’ospedale di Gioia Tauro, è stata trovata un pistola 7.65.

Gli episodi contestati risalgono al periodo che va dal giugno al luglio del 2013.

«Le lunghe attività d’indagine – si legge nella nota diffusa dai carabinieri – hanno dimostrato la dimestichezza dell’anziano imprenditore gioiese, spesso sfiorato da altre attività d’indagine, a tutto ciò che aveva a che fare con le armi clandestine».

Nell’operazione sono indagate altre 4 persone.
A causa delle precarie condizioni di salute, Mazzaferro, dopo gli adempimenti di rito, è stato portato nella sua villa alla Tonnara di Palmi, ed è adesso agli arresti domiciliari.