Stop alla violenza sulle donne: a Palmi la campagna #seiofossi

Ideata dalla Scuola di Psicologia Applicata "Sergi", la campagna contiene anche un concorso aperto a tutti gli studenti delle Scuole superiori

0
612

In Italia ogni 72 ore una donna muore per mano del proprio compagno, marito o ex. Una vera e propria carneficina, un incomprensibile fiume di sangue e violenza diventato un fenomeno allarmante che sembra non volersi più arrestare.

E domani, 25 Novembre, tutto il mondo griderà ancora più forte il no alla violenza contro le donne, nella Giornata per l’eliminazione della violenza contro le donne, ricorrenza istituita dall’ONU per commemorare 3 sorelle brutalmente assassinate.

La Scuola Superiore di Psicologia Applicata “Sergi” di Palmi, in collaborazione con Lions Club, Fidapa, Soroptimist, Amnesty International e Convegni di Cultura “Beata Maria Cristina”, ha lanciato un’iniziativa ed un concorso dal titolo “#seiofossi” per riflettere sul tema della violenza di genere.

#seiofossi nasce dalla volontà di capire cosa farebbe ognuno di noi se fosse la vittima di una violenza, o il familiare, l’amico della donna vittima di violenza da parte di un uomo.

La campagna #seiofossi prevede che chiunque voglia aderirvi, debba indossare una maglietta bianca con la scritta #seiofossi, scrivere una breve frase che indichi cosa farebbe se fosse vittima di violenza, scattare una foto o girare un breve video ed inviarla all’indirizzo email [email protected], indicando nell’oggetto “Campagna #seiofossi”.

Per partecipare al concorso, invece, bisognerà seguire la stessa procedura ma scrivere nell’oggetto “Concorso #seiofossi” e condividere le proprie foto o i video sulla pagina Facebook della Scuola di Psicologia “Sergi”, inserendo l’hashtag #seiofossi.

Il concorso è aperto agli studenti delle scuole superiori di tutta la Piana. Le tre foto con il maggior numero di like vinceranno il concorso ed i vincitori saranno premiati nel corso di un incontro pubblico che si terrà nell’Auditorium della Scuola nel mese di Dicembre.