Rosarno, quasi 1 milione di euro dal Pnnr per contrastare la fragilità sociale

La Commissione straordinaria comunica l’accoglimento delle proposte avanzate nell’ambito del Pnrr, per la creazione di servizi e infrastrutture

0
12

Con Decreto del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali sono stati ammessi a finanziamento i progetti presentati dal Comune di Rosarno, a valere sugli investimenti sociali del Pnrr di cui all’Avviso 1/2022 dello stesso Ministero, Missione 5 “Inclusione e Coesione”, sottocomponente 1 “Servizi sociali, disabilità e marginalità sociale”, di cui agli Investimenti 1.1, 1.2 e 1.3 del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, per un importo complessivo di € 926.500,00.

La Commissione straordinaria composta da Antonio Giannelli, Emilia Buda e Roberta Mancuso, precisano che gli interventi previsti mirano a promuovere soluzioni ai problemi di disagio e fragilità sociale, mediante la creazione di nuovi servizi e infrastrutture sociali e il miglioramento di quelli esistenti, favorendo l’aumento del numero di destinatari e la qualità dell’offerta ai cittadini dell’Ambito territoriale.

«La rilevanza delle progettualità, presentate dall’ATS di Rosarno e ammesse a finanziamento – sottolineano i Commissari Prefettizi – pone un ulteriore tassello alla progettualità degli interventi sociali nella città di Rosarno. Si tratta, certamente, di un processo che innoverà la dimensione sociale del territorio che, unitamente alle altre recenti iniziative, documenta l’impegno della Commissione straordinaria sui temi sociali prioritari che interessano i cittadini dell’intero Ambito territoriale».

I progetti ammessi

Nel dettaglio – si legge nella nota diffusa dalla Commissione – oggetto del finanziamento rientra il progetto, per € 211.500,00 nel triennio, di cui all’investimento 1.1, linea di sub-investimento 1.1.1, in tema di sostegno alle capacità genitoriali e prevenzione della vulnerabilità all’interno dei nuclei familiari. Saranno attivate azioni di supporto domiciliare rivolte ai genitori, per ridurre o evitare il rischio di allontanamento dei bambini e adolescenti dal nucleo familiare attraverso la predisposizione di progetti individualizzati, elaborati insieme alle famiglie.

Ammessa a finanziamento anche la progettualità di cui alla linea d’investimento 1.2, avente l’obiettivo di aumentare l’autonomia delle persone disabili, accelerando il processo di deistituzionalizzazione e fornendo servizi sociali e sanitari di comunità e domiciliari, per complessivi € 715.000,00 di gestione nel triennio.

Infine, ammessa anche la progettualità di cui all’investimento 1.3, in tema di misure atte a fronteggiare le Povertà Estreme, con Reggio Calabria capofila anche per l’Ambito territoriale di Rosarno, con un intervento previsto sulla linea di intervento 1.3.2, “Stazioni di posta”, con proposta progettuale finanziata per € 1.090.000,00 di investimento che prevede la realizzazione di un Centro di Servizi ed inclusione in favore di soggetti in condizioni di marginalità estrema.

Altro progetto dichiarato idoneo, che pertanto sarà finanziato a valere su altre risorse nazionali, riguarda la linea di investimento 1.1.2 “autonomia degli anziani non autosufficienti”, per l’importo di € 2.460.000,00 di gestione nel triennio. Il progetto prevede investimenti infrastrutturali finalizzati alla implementazione di servizi agli anziani non autosufficienti con lo scopo di migliorarne l’autonomia e prevenendone l’istituzionalizzazione.