Porto di Gioia Tauro, gli ex lavoratori vogliono un incontro con Agostinelli

0
257
La Msc New York lascia il porto di Gioia Tauro
La Msc New York lascia il porto di Gioia Tauro

Egr. Commissario Andrea Agostinelli,

A scrivere e a chiedere ancora una volta la sua attenzione, sono gli ex lavoratori del terminal auto, Automar Gioia Tauro S.p.a., un gruppo di 13 lavoratori che hanno subito l’ingiustizia di un licenziamento collettivo dichiarato illegittimo dai Tribunali di Palmi e Reggio Calabria, ma che a seguito di una diversa sentenza di entrambi, sono stati dapprima reintegrati e poi rimessi fuori dopo la pronuncia della Corte d’Appello di Reggio Calabria.

Dopo un anno, siamo in attesa di avere un giudizio definitivo dalla Suprema Corte di Cassazione, ma a causa dell’emergenza sanitaria dovuta alla diffusione del Covid-19, i tempi della giustizia sembrano ulteriormente allungarsi.

Oggi, riusciamo a sopravvivere con il riconoscimento della Naspi, sussidio che nel mese di giugno non sarà più erogato.

Stiamo assistendo in questi giorni ad una serie di eventi che molti festeggiano come il rilancio definitivo del porto di Gioia Tauro.

È vero, il secondo armatore al mondo sta mantenendo tutte le promesse fatte, e voi dell’Autority di Gioia Tauro state agevolando quel percorso. Quello che non riusciamo a capire è come si possa parlare di rilancio, se intorno al contesto proiettato in questi giorni, esiste una realtà completamente diversa. Stiamo parlando dell’altro terminalista e di tutte le società presenti nell’area portuale.

Per queste aziende la situazione è completamente diversa. Un mondo parallelo a quello da voi descritto, fatto di cassa integrazione, licenziamenti e abuso eccessivo delle norme contrattuali. Non vogliamo assolutamente fare polemica, ma ci teniamo a ripercorrere certe fasi perché quello che sta accadendo oggi ci sta umiliando ancora di più.

Visto che i tempi stringono e la fine della Naspi è ormai vicinissima, chiediamo un incontro urgente con Lei, con la presenza delle organizzazioni sindacali, per valutare la possibilità di essere inseriti nella Port Agency di Gioia Tauro, essendo lavoratori che hanno i presupposti previsti dal decreto 243/2016, ossia, dipendenti che operavano e operano ai sensi dell’art. 18 della legge 28/01/1994 n° 84, addetti alla movimentazione di container e mezzi gommati, e che usufruiva di ammortizzatori sociali.

Non possiamo più aspettare e vedere la nostra situazione peggiorare. Le comunichiamo che Mercoledì 3 Giugno saremo presenti davanti gli uffici dell’autorità portuale, unitamente alle organizzazioni sindacali, per protestare ad oltranza. Non abbiamo più nulla da perdere e non ci muoveremo da li finché non verranno esaminate le nostre problematiche.

Nella speranza di avere un pronto riscontro, restiamo in attesa di vostra convocazione.

I lavoratori portuali di Gioia Tauro