Palmi, un concerto per curare il nostro mare

0
373

Un Service per l’emergenza ambientale legata alla presenza di plastiche e microplastiche in mare ha fatto da cornice al Concerto Benefico di Capodanno 2020 organizzato dal Rotaract Club Palmi, presieduto quest’anno da Eleonora Fonte.

Dopo il rituale suono della campana e l’alto Inno con la consegna delle Bandiere, il Concerto si è aperto con l’esposizione del progetto cui sarà destinato l’intero ricavato della serata benefica.

«Il progetto “Hydro Re-life” – ha spiegato il Presidente Eleonora Fonte – è un progetto del Rotaract Distretto 2100 sposato dalla famiglia rotariana palmese, la quale, riconoscendo il problema dell’inquinamento delle acque come la più grande emergenza di questo momento storico, si è impegnata a dare il proprio contributo per liberare le stesse dalla presenza di plastiche e microplastiche. Il dispositivo “Seabin” si installa nelle banchine dei porti o nei pressi di pontili e consiste in un cestino contenente una rete di fibra che galleggia a filo d’acqua, collegato ad una pompa. Quest’ultima – prosegue Eleonora Fonte – aspirando l’acqua nel cestino permette alla rete di trattenere i rifiuti galleggianti».

Tra le figure istituzionali civili presenti, il Sottotenente di Vascello Silvia Conti in sostituzione del Comandante della Capitaneria di porto di Gioia Tauro Giancarlo Salvemini, nonché l’assessore alla Cultura del Comune di Palmi Wladimir Maisano, il quale ha ringraziato il Rotaract Club Palmi, anche a nome del sindaco Giuseppe Ranuccio, per aver regalato alla città un evento artistico e culturale di alto livello unito ad un fine benefico per il territorio palmese.

A portare i saluti del Rotary Club Palmi il Presidente Ferdinando Perelli, il quale ha spiegato come questo evento, portato avanti in collaborazione con il Rotaract Club Palmi, culminerà in primavera con un convegno su questa attuale emergenza dell’inquinamento marittimo e con la contestuale donazione alla Capitaneria di Porto di un drone professionale da utilizzarsi per il controllo della costa e la prevenzione dell’inquinamento.

Il Concerto di Capodanno è stato diretto dal giovane e promettente Giuseppe Stillitano – socio del Rotaract Club Palmi – e realizzato con la preziosa collaborazione dell’Ensemble d’archi “progettOrchestra” del Conservatorio di Musica “F. Cilea” di Reggio Calabria e dell’Ensemble vocale “Mater Jubilaei” del Cantiere Musicale Internazionale di Mileto.

Uno spettacolo dinamico che ha visto i professionisti presenti esibirsi con grande maestria, emozionando con brani classici e di alto livello tutto il folto pubblico presente, che ha riempito in ogni ordine di posto la Casa della Cultura “Leonida Repaci” di Palmi. Magistrale anche l’esibizione del Soprano-Maestro del coro Caterina Francese con l’Ave Maria tratta dall’Opera Otello “Preghiera di Desdemona” di Giuseppe Verdi.

In chiusura il Presidente Fonte ha, infine, annunciato il ricavato dell’evento: è stata raggiunta l’importante cifra di 2.220 euro che consentirà l’acquisto del dispositivo “Seabin” da installarsi presso la Tonnara di Palmi.

L’appuntamento è dunque fissato a Giugno 2020, mese stabilito per l’installazione ed inaugurazione del primo dispositivo di ripulitura presente in Calabria.