Palmi, si riduce la “lista” dei candidati a sindaco: Carmelo Lentino fa un passo indietro

"Scelta sofferta, probabilmente serviva più tempo". Lentino chiarisce di non avere alcuna intenzione di diventare l'assessore al turismo della prossima amministrazione

0
893
Carmelo Lentino

Carmelo Lentino non sarà tra i candidati a sindaco a Palmi. La notizia era nell’aria da qualche tempo, ma solo poche ore fa è giunta l’ufficialità.

A darne notizia è stato lo stesso Lentino attraverso una lettera aperta ai cittadini di Palmi, pubblicata sul suo sito.

“So che deluderò le aspettative di qualcuno, a partire dall’associazione “Palmi Bene Comune”, che ringrazio per il calore, la stima e l’affetto, e mi dispiace sinceramente, soprattutto per la fiducia e le parole di apprezzamento ed elogio che mi sono state a più riprese rivolte da chi ha sostenuto questa prospettiva – scrive Carmelo Lentino – Spero che riesca a rendere a tutti l’idea che questa decisione, sofferta, l’ho assunta soprattutto nell’interesse della città”.

Con “Palmi Bene Comune” Carmelo Lentino aveva intrapreso un dialogo negli ultimi mesi, con l’obiettivo di cercare di realizzare un progetto per Palmi e di costruire una squadra di persone valide capaci di trasformare le idee in fatti concreti. Ma probabilmente per via del poco tempo, che non ha reso possibile un dialogo ed un coinvolgimento della città a 360 gradi, Lentino ha deciso di fare un passo indietro e, seppur a malincuore, di non correre alla guida della città.

Ma ad incidere sulla sua decisione, è stata anche la mancanza di concretezza, ovvero l’incapacità – se vogliamo – di alcuni di trasformare le parole in fatti concreti. E lo spiega chiaramente in un passaggio della sua lettera.

“Ho provato, in questi mesi, a capire se ci fosse reale volontà di costruire un progetto comune, una squadra condivisa – si legge nella lettera di Lentino ai cittadini di Palmi – Una bella piattaforma civica, dove ognuno – mettendo da parte le aspirazioni personali – potesse lavorare al servizio e nell’esclusivo interesse della città. Ho registrato aperture a parole, ma nella sostanza molto poco. Con poche eccezioni che, purtroppo, si sono scontrate con i veti incrociati. Deleteri quando si vuole costruire qualcosa di importante”.

Quindi chiarisce di non avere – se così rimangono le cose – alcuna intenzione di diventare assessore al turismo della prossima amministrazione: “Voglio “tranquillizzare” chi mi legge, permanendo queste condizioni non sarò l’assessore al turismo di nessuna amministrazione. C’è troppa confusione, poca lungimiranza”.

Ma il “cammino” degli ultimi mesi è stato per Lentino comunque positivo: “Ho avuto l’opportunità  – scrive – di conoscere meglio decine persone, donne e uomini, giovani e meno giovani, animati dalla volontà di partecipare. È un “tesoretto” che non può essere disperso, che deve essere implementato e rilanciato. Può, senza dubbio, rappresentare la base di partenza per un serio progetto di rilancio e sviluppo. Palmi merita un sindaco forte, una giunta coesa ed un consiglio comunale rappresentativo, dove la maggioranza faccia la maggioranza e l’opposizione svolga (in aula e nelle commissioni) il suo legittimo ruolo di controllo e proposta. Le istituzioni si servono, non ci si serve delle istituzioni”.