HomePoliticaPalmi, la maggioranza: «La democrazia è al sicuro. Dall'opposizione ostruzionismo e zero...

Palmi, la maggioranza: «La democrazia è al sicuro. Dall’opposizione ostruzionismo e zero proposte»

Pubblicato il

“Da Putin a Ranuccio, storia di una deriva totalitaria”.

O almeno, leggendo i concetti espressi sulla stampa e sui social dall’opposizione consiliare negli ultimi giorni, così sembrerebbe. Addirittura si è giunti a scomodare i pesi e contrappesi di Montesquieu, a temere il bavaglio ed a paventare l’intervento del Prefetto.

In realtà, noi pensiamo che i nostri concittadini abbiano già potuto verificare, in questi pochi mesi, chi lavora per far correre la città e chi, invece, incapace di avanzare proposte, si limita a fare le pulci all’amministrazione.

Sia chiaro, fare ostruzionismo in Consiglio comunale, magari proponendo decine di interpellanze, a volte sullo stesso tema, è del tutto legittimo. E anche se gli Uffici comunali, per rispondere alle domande degli interpellanti, devono spendere del tempo sottraendolo alla risoluzione dei problemi della città, sappiamo che questo è il gioco delle parti.

Ma certamente questo non è il nostro modello amministrativo: a fronte di chi sceglie di ostruire, così dimostrando per davvero scarso interesse per le decisioni democratiche del popolo, noi continuiamo a costruire, avanzando proposte, elaborando progetti e realizzando iniziative.

La cosa che colpisce, a proposito delle tante inesattezze che si stanno dicendo sulla riforma dello Statuto e del Regolamento per il funzionamento del Consiglio comunale, è che l’opposizione sta giocando l’intera partita sui social e sui giornali. Infatti, quando i consiglieri (o consigliati?) di minoranza arrivano in aula, sanno solo fare una cosa: chiedere un rinvio. Zero emendamenti. Zero proposte. Solo un immotivato rinvio.

Nel merito della vicenda, il gravissimo vulnus democratico denunciato dall’opposizione è una balla. Eppure i consiglieri di minoranza, che si sono segnalati per iniziative fondamentali per la città (come ad esempio chiedere la correzione dei verbali della penultima seduta), potranno continuare, e ci mancherebbe altro, a proporre interpellanze, interrogazioni e mozioni. Così allo stesso modo potranno ancora richiedere la convocazione d’urgenza del Consiglio comunale. E potranno continuare ad intervenire su ogni punto all’ordine del giorno di ogni seduta.

Amiche ed amici consiglieri di minoranza, vi confidiamo un segreto: queste prerogative sono previste dal Testo Unico sull’Ordinamento degli Enti Locali e l’avanzata totalitaria di Ranuccio non è ancora tale da sovvertire le norme dello Stato.

Ultimi Articoli

‘Ndrangheta: giunto in Italia Mario Palamara, latitante catturato in Spagna

L'uomo è accusato di associazione per delinquere e traffico internazionale di stupefacente

La diversità che colora il mondo: “Be kind” conquista il pubblico palmese

L'evento, promosso dal Lions Club presieduto da Antonello Posterino, ha visto la partecipazione di un numeroso pubblico

Volley, strepitosa OmiFer Palmi: annichilisce la corazzata Tuscania vincendo in trasferta per 3-0

Prossima partita contro la Wow Green House Aversa

San Ferdinando, continuano le celebrazioni per il bicentenario della nascita del paese

Continua il ciclo dei convegni con una riflessione storica sulla fondazione del villaggio e il suo contesto territoriale

San Ferdinando, continuano le celebrazioni per il bicentenario della nascita del paese

Continua il ciclo dei convegni con una riflessione storica sulla fondazione del villaggio e il suo contesto territoriale

Gioia Tauro, grande partecipazione alla fiaccolata in memoria delle donne vittime di violenza

La fiaccolata, partita da palazzo Sant'Ippolito, ha percorso alcune vie del centro concludendosi a piazza Duomo

Polistena Futura denuncia: «Termosifoni spenti nelle scuole. Dov’è il sindaco?»

Il gruppo consiliare di opposizione punta il dito anche contro la mancata nomina degli assistenti ai disabili