HomePoliticaOspedale di Polistena: dopo il danno la beffa. Il sindaco Michele Tripodi:...

Ospedale di Polistena: dopo il danno la beffa. Il sindaco Michele Tripodi: «Ma in che mani siamo?»

Pubblicato il

Abbiamo letto con grande stupore e costernazione una dichiarazione della dott.ssa Di Furia commissario ASP di RC, attraverso la quale è stato smentito l’arrivo di n. 85 medici cubani negli ospedali dell’azienda sanitaria. Tale notizia, insistentemente circolata nei giorni scorsi, è stata data ai Sindaci, cittadini e giornalisti presenti durante l’incontro avvenuto presso la Direzione Sanitaria dell’ospedale con particolari tecnici, operativi ed organizzativi.

Fino ad ora siamo stati abituati a lottare per il diritto alla salute che purtroppo, per molto tempo, su questo territorio è stato garantito a singhiozzi, tra carenze di strutture e svuotamento di organici.

Ma mai era successo che a distanza di poco tempo, un Commissario dell’ASP apostrofasse per fake una notizia che avevamo salutato tutti come una buona notizia, se non altro un’operazione transitoria tesa a supportare gli esegui organici esistenti.

Poco dopo la conclusione del presidio dal quale tutti ci eravamo congedati soddisfatti autoconvocandoci per il 12 luglio, giungeva oltre che l’incredibile smentita della dott.ssa Di Furia anche la notizia del blocco di ricoveri del reparto di rianimazione dell’ospedale di Polistena, che per molti costituiva grazie all’elisoccorso un avamposto per la salvezza di vite umane dentro il presidio e verso altri ospedali.

Riteniamo molto grave quanto avvenuto e chiediamo lumi al Presidente della Regione on. Roberto Occhiuto anche attraverso l’apertura di un’indagine interna volta a verificare i fatti e la veridicità delle notizie diffuse.

Non si possono prendere in giro amministratori locali, Sindaci, cittadini, associazioni, organi di stampa su questioni che riguardano la salute e la pelle delle persone, poiché tutto questo non fa altro che aumentare il senso di sfiducia della popolazione verso la sanità territoriale e le istituzioni competenti.

Sollecitiamo dunque il Presidente della Regione e la Commissaria dell’ASP a chiarire la situazione poiché siamo molto preoccupati per l’ospedale di Polistena e la continuità dei servizi ospedalieri nella Piana.

Chiediamo l’immediata riapertura del reparto di rianimazione dell’ospedale di Polistena, se non ricorrendo ai medici cubani, attraverso altre risorse umane in grado di assicurare assistenza agli ammalati non autosufficienti e gli interventi chirurgici programmati sospesi da diverso tempo.

Ultimi Articoli

Ospedale di Polistena, Profiti rassicura ma non si sbilancia

L’incontro istituzionale presso la sala consiliare del comune di Polistena per la presa d’atto...

Palmi, incontro tra sindaci: Ranuccio riceve il primo cittadino di Montlieu-la-Garde

Nicolas Morassutti, dopo essere stato in città nel 2018 per un'iniziativa di beneficenza, è tornato in vacanza

Alimenti senza certificazione in lidi e ristoranti: sanzioni per 25mila euro a Reggio

Sequestrati dai carabinieri oltre 400 kg di prodotti alimentari privi di tracciabilità e riscontrate in numerose attività gravi carenze igienico-sanitarie

Cittanova, gli studenti del liceo Guerrisi protagonisti della passeggiata lungo “Le vie dei poeti”

L'evento si svolgerà il 16 e 17 agosto a partire dalle 22

Palmi, incontro tra sindaci: Ranuccio riceve il primo cittadino di Montlieu-la-Garde

Nicolas Morassutti, dopo essere stato in città nel 2018 per un'iniziativa di beneficenza, è tornato in vacanza

Lo studio Architensions di New York dona un masterplan alla città di San Ferdinando

Lo studio Architensions, in collaborazione con l’Associazione Culturale Disìo e il Comune, ha progettato la nuova visione urbana per lo sviluppo di San Ferdinando

Politiche 2022, Occhiuto: «Se vince il centrodestra, rigassificatore a Gioia Tauro»

Le dichiarazioni del presidente Occhiuto a "Il Giornale"