HomeCronacaOmicidio Pelaia: ergastolo per i cugini Giacobbe

Omicidio Pelaia: ergastolo per i cugini Giacobbe

Pubblicato il

PALMI – E’ stata pronunciata ieri sera da Giulio De Gregorio, Gup del Tribunale di Palmi, la condanna all’ergastolo per i cugini Giacobbe.

ergastolo per i cugini giacobbe
Placido Giacobbe

Placido, detto “Jerry”, 39 anni e Alessandro di 37, sono considerati i mandanti e gli organizzatori dell’omicidio di Arcangelo Pelaia, avvenuto in piazza Matteotti a Gioia Tauro, in pieno giorno, il 29 giugno del 2013.

La vittima è stata raggiunta da 9 colpi d’arma da fuoco mentre era a bordo della sua autovettura, con l’auto degli assassini che ha speronato l’utilitaria della vittima sparando in corsa.

La richiesta di ergastolo per i cugini Giacobbe era stata formulata al termine della requisitoria del sostituto procuratore Enzo Bucarelli.

Placido e Alessandro Giacobbe erano in carcere dal mese di luglio dello scorso anno.

I due uomini erano difesi dagli avvocati Guido Contestabile, Domenico Putrino e Domenico Infantino.

Nell’omicidio sono coinvolti anche Giovanni Polimeni, considerato l’esecutore materiale ed i due fratelli Biagio e Marcello Giacobbe, ritenuti ideatori, registi, mandanti ed agevolatori dell’azione criminale.

L’ergastolo per i cugini Giacobbe è arrivato a meno di due anni dall’omicidio.

ergastolo per i cugini giacobbe
Alessandro Giacobbe

La tesi dell’accusa è stata fortificata dai filmati, estrapolati dai sistemi di video sorveglianza, che il giorno dell’omicidio hanno ripreso i movimenti di alcune auto, con a bordo i Giacobbe, che facevano la spola da casa della vittima sin dalle prime ore del pomeriggio. Sapevano, infatti i basisti, che Pelaia quel pomeriggio sarebbe andato a far visita ai familiari di un conoscente deceduto, ma non conoscevano l’orario in cui si sarebbe mosso, e per questo avrebbero fatto avanti e indietro per dare l’ok al sicario.

Il movente, che ha portato alla morte di Pelaia, sarebbe la vendetta della famiglia Giacobbe in risposta al duplice omicidio avvenuto il primo luglio 2005, quando morirono Saverio e Leonardo Giacobbe, delitto per il quale il fratello di Arcangelo, Giuseppe Pelaia, sta scontando una pena definitiva nel carcere di Saluzzo in provincia di Cuneo.

Ultimi Articoli

Politiche 2022, ecco chi sono i parlamentari calabresi

Si sono delineate, dunque, le figure politiche che occuperanno le caselle dei 19 posti...

Politiche 2022, Conia (Up) chiede una riflessione nazionale

«Abbiamo il dovere di non disperdere questo grande lavoro fatto sul territorio» ha spiegato...

L’Ordine dei commercialisti di Palmi a confronto su antiriciclaggio e operazioni sospette

Il dibattito è stato organizzato dall'Ordine in collaborazione con Opera Professioni e Sole 24Ore

Nas, la stagione estiva si chiude con 168 controlli e 2 tonnellate di alimenti sequestrati

Elevate sanzioni per un valore complessivo di 130.502mila euro

Nas, la stagione estiva si chiude con 168 controlli e 2 tonnellate di alimenti sequestrati

Elevate sanzioni per un valore complessivo di 130.502mila euro

Incendio auto Rettore Zumbo, Gelardi (Lega): «A lui la mia solidarietà. Continui ad operare bene»

Nota stampa del consigliere regionale di maggioranza

Scovate armi e piantagioni di cannabis a Santa Cristina d’Aspromonte e Oppido Mamertina

I Carabinieri della Compagnia di Palmi unitamente ai Cacciatori “Calabria” hanno rinvenuto due piantagioni di cannabis, diverse armi e munizioni.