HomeSocietàNasce il Comitato dei festival tematici sostenibili. Tra i fondatori il calabrese...

Nasce il Comitato dei festival tematici sostenibili. Tra i fondatori il calabrese Davide Manganaro

Pubblicato il

C’è anche Davide Manganaro, docente all’Accademia di Belle Arti “Fidia” originario di Gioia Tauro, tra i fondatori di Cinetour, il Comitato Internazionale dei festival cinematografici tematici sostenibili, il cui obiettivo è quello di riunire sotto lo stesso tetto i festival cinematografici più importanti del mondo impegnati nella sostenibilità.

Il 24 novembre scorso, a Istambul, si è tenuto l’incontro internazionale tenutosi nel corso del quale è stato istituito il Cinetour, aperto a tutti i paesi membri delle Nazioni Unite, con il sostegno di UNESCO e Consiglio d’Europa.

Il comitato Cinetour, che ha lo scopo di riunire festival cinematografici tematici, registi, artisti, rappresentanti dei media-cultura-arte e tante importanti personalità del mondo che fanno dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite il loro punto fondamentale, è il primo e unico comitato al mondo in questo senso.

Cinetour ha intrapreso un compito importante come comitato di festival cinematografici sostenibili più completo al mondo; oggi vengono organizzati molti festival con molti temi come cultura, arte, turismo, sport, salute, natura, pace, tecnologia e giovani. Il numero di festival di cortometraggi, documentari, animazione, pubblicità, arti digitali e lungometraggi sta aumentando di giorno in giorno nel mondo. Le organizzazioni forti e di qualità durano a lungo.

Lo scopo principale di Cinetour è promuovere, sostenere e riunire questi festival su una piattaforma comune. Il dialogo e la cooperazione tra i festival creeranno una struttura sostenibile. Oltre ai festival di fama mondiale, anche molti festival cinematografici tematici ottengono un grande successo, compresi quelli di carattere regionale per la promozione di paesi, regioni e città.

Molti festival organizzati in tutto il mondo rappresentano culture, lingue e paesi diversi. Cinetour mira a creare un ambiente multietnico. In questa piattaforma in cui diversi paesi si incontrano, il linguaggio comune sarà la cultura, l’arte e i festival. Tutti i paesi potranno esprimere i propri problemi, bisogni e obiettivi. Saranno sviluppati dialoghi tra paesi, saranno stabiliti ponti di comunicazione tra festival. Verrà fornito sostegno all’industria cinematografica, ai registi e ai media. Country manager, potenti istituzioni e marchi saranno supportati per sostenere i festival. Pur beneficiando dell’esperienza di festival di successo, saranno supportati particolarmente i festival di nuova costituzione. Saranno creati i calendari dei festival internazionali. Sarà fornito sostegno per la risoluzione delle crisi settoriali tra paesi. E verrà creata un’autorità in cui festival, registi e rappresentanti di tutto il mondo possano comunicare.

Uno degli obiettivi principali del comitato è garantire che tutti i membri abbiano pari diritti. Questo è un gioco di squadra e ogni paese ha compiti importanti. Su questa piattaforma

in cui si incontrano culture diverse, tutti i membri lavorano con la stessa energia e hanno successo insieme. Non ci sarà competizione, avidità e distinzione tra paesi. La differenza più importante del comitato è sviluppare un linguaggio comune. Fondata con una struttura democratica, Cinetour ha una struttura gestionale in cui ogni paese può avere voce in capitolo.

Progetti internazionali in diverse branche saranno sviluppati con i gruppi di lavoro istituiti all’interno del comitato. Si mira a una piattaforma lavorativa composta da 200 persone con 12 sottogruppi di lavoro. Tutti gli Stati membri saranno in grado di sviluppare e attuare congiuntamente progetti e dialogare tra di loro.

Molti progetti internazionali saranno integrati nei festival durante tutto l’anno e i festival saranno sostenuti. Ogni progetto, infatti, verrà valorizzato singolarmente. In breve, Cinetour non sarà solo una piattaforma dove i festival si incontrano. Allo stesso tempo, creerà un’energia in costante sviluppo, progettuale e innovativa.

Dopo la costituzione del comitato, avrà luogo il Congresso Internazionale Cinetour, a cui saranno invitati i festival cinematografici di tutto il mondo oltre a tutti i paesi membri, si terrà ad Antalya/Turchia dall’8 al 12 maggio 2023. In questo senso, all’evento inaugurale parteciperanno registi, produttori, media rappresentanti, influencer, fotografi, artisti, rappresentanti di settore e burocrati, oltre ai festival cinematografici tematici.

Nell’organizzazione si terranno convegni di festival cinematografici internazionali, conferenze, workshop, seminari, mostre, concerti, escursioni, fiere e cerimonie di gala. Il congresso, al quale parteciperanno come ospiti nomi di fama mondiale, creerà un’importante occasione per individuare i problemi, le esigenze e le soluzioni dei festival cinematografici e dell’industria cinematografica. Un focus particolare sarà dedicato alla rete delle città creative dell’UNESCO, agli itinerari culturali europei del Consiglio d’Europa e al nuovo progetto della Via della Seta.

Ultimi Articoli

La Parrocchia ponte tra generazioni nella 45ª Giornata nazionale per la vita

Per celebrare la 45ª Giornata nazionale per la vita la Parrocchia Santa Marina Vergine...

‘Ndrangheta, chiuse le indagini sulla prima “locale” romana: 67 a rischio processo

A capo del gruppo criminale ci sarebbero Antonio Carzo e Vincenzo Alvaro, appartenenti a storiche famiglie di 'ndrangheta di Cosoleto

Maxi sequestro da 45 mln di euro, i fratelli Berna negano ogni coinvolgimento

È quanto afferma in una nota l'avvocato Emilia Eva Giurato, difensore dei due imprenditori

La Parrocchia ponte tra generazioni nella 45ª Giornata nazionale per la vita

Per celebrare la 45ª Giornata nazionale per la vita la Parrocchia Santa Marina Vergine...

Tradizione e tecnologia per l’olio di qualità in Calabria: dal QR code al gadget per il cellulare in legno di olivo all’insegna della sostenibilità

Nasce in un'azienda della provincia di Catanzaro il primo olio "sostenibile" della Calabria

Palmi, eletto il nuovo Consiglio dell’Ordine degli avvocati

Il Consiglio eleggerà il nuovo presidente nel corso della prima seduta