HomeCronacaMaxioperazione antiriciclaggio: La Gdf arresta venti persone

Maxioperazione antiriciclaggio: La Gdf arresta venti persone

Pubblicato il

Il certificato da cui sono partite le indagini

REGGIO CALABRIA (2 agosto 2011) – Venti persone sono state arrestate dalla Guardia di finanza in una maxioperazione contro il riciclaggio di denaro messa in atto con l’intermediazione di esponenti di spicco della ‘ndrangheta e di Cosa Nostra.

L’indagine della Dda di Reggio riguarda persone accusate, a vario titolo, di associazione a delinquere finalizzata al riciclaggio, alla truffa e alla falsificazione di titoli di credito.

L’inchiesta e’ partita dal sequestro, avvenuto nei pressi di Rosarno, di un certificato di deposito emesso dal Credit Suisse per un importo di 870 milioni di dollari.

Le persone della Piana di Gioia Tauro, colpite dal provvedimento restrittivo del giudice per le indagini preliminari di Reggio Calabria, sono: Vincenzo Andronico, 38 anni, di Oppido Mamertina, Rocco Arena (41) di Taurianova,  Michele Fidale (50) di Polistena, Francesco Filippone (31) di Melicucco, Santo Rocco Filippone (71) di Anoia, Antonino Galasso (59) di Cittanova,  Antonino Napoli (61) di Polistena, Carmelo Sposato (37) di Taurianova, Giuseppe Sposato (45) di Taurianova e Antonino Surace (35) di Polistena.

Ultimi Articoli

Volley, l’OmiFer attende la Capitale nella bolgia del PalaSurace

Domani la squadra di mister Radici sfiderà in casa la SMI Roma

Al Teatro Gentile di Cittanova in scena Tosca d’Aquino e Giampiero Ingrassia

Il 9 febbraio appuntamento con "Amori e sapori nelle cucine del Gattopardo"

Reggio, domani la presentazione di “Guida all’Aspromonte misterioso”

Edito da Rubettino, è stato scritto da Giuseppe Battaglia e Alfonso Picone Chiodo

Commerciante derubata nel parcheggio di un centro commerciale di Taurianova: arrestato uno dei 2 responsabili

Alla vittima erano stati sottratti 500 euro in contanti, documenti ed effetti personali

‘Ndrangheta, chiuse le indagini sulla prima “locale” romana: 67 a rischio processo

A capo del gruppo criminale ci sarebbero Antonio Carzo e Vincenzo Alvaro, appartenenti a storiche famiglie di 'ndrangheta di Cosoleto