Maestro, salta l’udienza a Palmi

0
665
La conferenza stampa di Pignatone
La conferenza stampa di Pignatone

PALMI – Era prevista per questa mattina una nuova udienza del processo “Maestro”, in corso di svolgimento presso il Tribunale penale di Palmi, ma a causa dell’assenza dei due testimoni scelti dall’avvocato Milicia, difensore dell’imputato Pietro Calipa, la seduta è stata annullata.

Assente per motivi di salute (una lombo sciatalgia) il teste Iogà, le cui motivazioni non sono state valutate serie da impedire la sue presenza in aula, motivo per il quale la Corte lo ha condannato ad un’ammenda di € 300.00; l’assenza dell’altro teste, Cera, è invece dovuta ad un ritardo nella notifica di comparizione in aula.

L’audizione dei due testimoni è stata rimandata al 22 giugno prossimo, quando in aula sarà chiamato a testimoniare il Prefetto Luigi De Sena, insieme ai marescialli dei Carabinieri Seu, Montesano e Latino.

L’operazione “Maestro”, condotta dal Ros dei Carabinieri, con la collaborazione dell’Agenzia delle Dogane, a seguito di un’attività investigativa diretta dalla Procura distrettuale antimafia di Reggio Calabria, ha portato all’arresto di 26 persone, accusate di associazione di tipo mafioso, associazione per delinquere finalizzata all’introduzione in Europa di materiale contraffatto ed altri reati doganali.

Tutti gli arrestati facevano capo alle potenti cosche della Piana di Gioia Tauro Molè-Piromalli, a cui i Carabinieri, grazie a quest’operazione, hanno inferto un durissimo colpo.

Nel processo che si tiene con rito ordinario presso il Tribunale di Palmi sono imputati Francesco Cosoleto 24 anni, Alessandro Giorgi 40 anni, Adolfo Fracchetti 69 anni, Pietro Calipa, Angelo Boccardelli, Giuseppe Speranza, Rossella Speranza, Antonio Albanese e Giuseppe Fortebracci.

Viviana Minasi