Isola pedonale, Misale cambia idea ma in Consiglio a Novembre bocciò la proposta di Ippolito

Palmi, dal verbale dell'assise del 15 Novembre emerge chiaramente il voto contrario del consigliere alla proposta del collega di opposizione. Ieri però attraverso una nota stampa si è dichiarata favorevole alla ZTL a tempo

0
459

“Mozione per realizzare la zona a traffico limitato nel centro storico di Palmi”. L’ha discussa lo scorso 15 Novembre il consiglio comunale di Palmi che al termine degli interventi da parte dei consiglieri, ha respinto la proposta avanzata da Pino Ippolito, consigliere di opposizione.

La proposta del consigliere era quella di “trovare il giusto equilibrio tra le attività economiche e l’esigenza di pedonalizzare il centro storico”, una proposta in grado di coniugare l’esigenza di liberare spazi per la sicura fruizione da parte dei pedoni con l’opportunità di garantire, in attesa della creazione di nuovi parcheggi, la circolazione e la sosta dei veicoli in particolare nei giorni feriali, salvaguardando le attività commerciali del centro.

La mozione è stata bocciata dai consiglieri che quella sera erano presenti in consiglio comunale, compresa Silvana Misale, consigliere di opposizione, che proprio ieri ha diramato una nota stampa contenente la proposta di pedonalizzare “a tempo” il centro storico di Palmi, ossia dalle 20.00 alle 23.00, dalle 19.00 alle 24.00 il sabato e dalle 9.00 alle 24.00 di domenica e nei giorni festivi.

Proposta che è la stessa avanzata da Pino Ippolito a Novembre, e bocciata anche dal consigliere Silvana Misale, come si evince dal verbale della seduta.

Ippolito chiedeva infatti l’istituzione di una Zona a Traffico Limitato che comprendesse corso Garibaldi, piazza Libertà, piazza I Maggio, piazza Cavour e via Augimeri, all’interno della quale la circolazione e la sosta dei veicoli a motore fosse vietata tutti i giorni dal lunedì al venerdì, dalle ore 19 alle ore 23; sabato, domenica e festivi, dalle ore 9 alle ore 24; escludendo, infine, dal divieto i mezzi di soccorso, i mezzi ecologici, il trasporto pubblico, i mezzi adibiti allo scarico e al carico delle merci, le auto dei residenti, dei dimoranti e dei portatori di handicap.

Ma a Novembre quella proposta è stata respinta dalla quasi totalità dei consiglieri (unica astenuta Mimma Di Certo); oggi che l’esperimento della Giunta di pedonalizzare h 24 il centro storico, senza prevedere un’area parcheggio nelle adiacenze, e con l’istituzione della sosta oraria che ha di fatto penalizzato i residenti del centro storico possessori dell’abbonamento semestrale, anche il consigliere Misale sposa improvvisamente la proposta di Pino Ippolito…