HomeAltre Notizie"Io sono”: capovolgere gli stereotipi sulla donna. Appuntamento alla Casa della Cultura...

“Io sono”: capovolgere gli stereotipi sulla donna. Appuntamento alla Casa della Cultura di Palmi dal 25 al 27 Novembre

Pubblicato il

Tre giornate per riflettere sulla libertà del genere femminile, non solo dalla violenza, ma anche dagli stereotipi che ancora oggi etichettano le donne come esseri fragili e incapaci di ricoprire ruoli di primo livello in società. Per tre giorni, dal 25 al 27 Novembre 2021 alla Casa della Cultura “Leonida Repaci” di Palmi, avrà luogo la rassegna “Libera di essere donna: Io sono”, che affronterà questi temi, in occasione della Giornata Internazionale contro la violenza sulle Donne, sotto varie forme d’arte e di discussione con esperti. L’iniziativa dell’Amministrazione Comunale, nata da un’idea della Consigliera comunale Dott.ssa Denise Iacovo punta molto anche alla riflessione con i ragazzi dei licei ed i bambini, nel tentativo di innescare nei più giovani una piccola scintilla, una presa di coscienza sull’argomento.

Si comincia giovedì 25 Novembre alla Casa della Cultura dalle ore 16:30: sarà un pomeriggio di arte, musica, teatro, danza e riflessione. Alcune artiste calabresi cercheranno coi loro mezzi espressivi di togliere qualche “certezza” ai presenti, presentando la figura femminile in maniera inedita: l’attrice e drammaturga Anna Macrì si esibirà nel monologo “Ballata per piccole iene”; la cantautrice Alessia d’Andrea, che vanta collaborazioni di livello internazionale eseguirà una performance live; Maria Piccolo regalerà invece un momento dedicato al ballo. Presente inoltre per tutti e tre i giorni della rassegna (25-27 Novembre), la mostra d’arte contemporanea “La voce dell’essenza”, opera della pittrice Carmela Calimera, che lancerà un rivoluzionario messaggio creativo. Oltre allo spazio artistico, la prima giornata di “Io sono” sarà un luogo di dibattito –mediato dalla dott.ssa Iacovo- sui temi della violenza contro le donne e parità di genere, a cui prenderanno parte la Dott.ssa Isolina Mantelli, presidente dello Spazio Ascolto Maltrattanti – Centro Calabrese di Solidarietà di Catanzaro (unico in Calabria); la neuropsichiatra e psicoterapeuta Dott.ssa Marisa Malagoli Togliatti; Anna Macrì, il docente di sociologia generale prof. Charlie Barnao, la Prof.ssa Maria Laura Corradi, esperta in Studi di Genere e Metodo Intersezionale; L’Avv. Carmen Mazzullo, presidente di “Filo Rosa – Sportello mediazione familiare”, che sostiene le vittime di violenza e stalking; il presidente uscente dell’Osservatorio Regionale sulla violenza di genere Dott.Mario Nasone; la consigliera alle Pari Opportunità della Città metropolitana di Reggio Calabria, Avv. Paola Carbone. A questo momento di dialogo seguirà una lettura conclusiva dell’Assessore alla Cultura del Comune di Palmi, Wladimiro Maisano.

La mattina del 26 Novembre, come sopra citato, sarà la volta delle classi quarte e quinte degli Istituti Superiori Statali, che verranno coinvolte in uno stage teatrale e dibattito sulla violenza di genere, curato da Anna Macrì. Ad arricchire l’esperienza dei ragazzi, verrà trasmessa la video testimonianza della vittima Maria Antonietta Rositani.

Il 27 pomeriggio, a conclusione di “Io sono”, si è pensato anche ai bambini tra gli 8 e i 10 anni, per laboratori (su prenotazione) a cura dell’Associazione “Terrasita” guidata da Mara Parisi. L’iniziativa, chiamata “Tutto quello che vorrei. Letture senza stereotipi”, insegnerà attraverso i libri e il gioco, a “seminare una cultura dell’accoglienza”, come sostiene la Consigliera Iacovo, che aggiunge: “È importante seminare una cultura paritaria che tenga conto della persona in quanto tale, anche nei bambini. Nei più piccoli infatti vedo a volte atteggiamenti condizionati dalla cultura patriarcale. Ad esempio quando si piange si tende a dire: “sei una femminuccia”, espressione che nella società tende ad etichettare la donna come sesso debole”.

“Io sono” ha dunque l’ambizioso progetto di contribuire a capovolgere molti stereotipi, tra cui il pensare alla donna vittima di violenza come persona fragile. Per concepire l’immagine di una donna forte, che rinasce dalle sue ceneri, è stato ideato il contest fotografico “La forza della donna”. Altro evento – satellite alla rassegna è “Tocco di gentilezza”, cioè un servizio di bellezza gratuito su prenotazione presso i parrucchieri aderenti. Il 25 Novembre inoltre, nella Villa Comunale “G.Mazzini”, verranno installati per un periodo di tempo limitato, dei pannelli riportanti frasi di donne celebri, per l’iniziativa “La voce della donna”.

Appuntamento dunque 25, 26 e 27 Novembre 2021, per una tre giorni carica di contenuti che possa divenire, come sostiene la sua ideatrice, Denise Iacovo, «un impegno nel tempo a riflettere sul nostro futuro».

Ultimi Articoli

Covid Calabria: 838 nuovi casi. Zero vittime per il secondo giorno

I dati diffusi dai Dipartimenti di prevenzione delle Aziende sanitarie provinciali

I Lions per la diffusione della cultura della legalità: la legalità pilastro fondamentale della pace e dello sviluppo

Nell’anno sociale 2022/2023 il Governatore dei Lions del Distretto 108 YA (che comprende Campania,...

Al via i lavori per il nuovo Pianeta Viola, un milione e mezzo per la casa del basket reggino

Il sindaco facente funzioni della Città Metropolitana Carmelo Versace ha preso parte quest'oggi alla consegna dei lavori per la riqualificazione della storica struttura sportiva di Modena

I Lions per la diffusione della cultura della legalità: la legalità pilastro fondamentale della pace e dello sviluppo

Nell’anno sociale 2022/2023 il Governatore dei Lions del Distretto 108 YA (che comprende Campania,...

Grande risposta alla raccolta dei Cacciatori di Palmi

Raccolta una grande quantità di beni di prima necessità

La Biennale dello Stretto rilancia sul futuro, il sindaco ff Versace: «Straordinario valore per il territorio, Metrocity c’è e ci sarà»

Cala il sipario sui primi appuntamenti in programma per l'evento promosso dalle due Città Metropolitane di Reggio Calabria e Messina e dalla Società benefit 500x100 di Alfonso Femia. Chiusura in bellezza con il finissage alla Fondazione Horcynus Orca di Messina