HomeSportIl ventennio della più Grande Palmese di sempre

Il ventennio della più Grande Palmese di sempre

Pubblicato il

di Francesco Lacquaniti – Nella stagione 1933-34 la Palmese fa capolino nel campionato di Prima Divisione [il primo dei quattro campionati di terzo livello (Prima Divisione/Serie C) ai quali prese parte] la cui prima partita (24 settembre 1933) fece registrare un brillante 2-0 al Palermo B (doppietta del giovanissimo Marucci) che, assieme al Napoli B (caduto al Littorio 1-0), avrebbe partecipato a quel torneo che prevedeva, come negli altri gironi, la presenza delle squadre B tra le partecipanti alla Serie A (l’unica eccezione fu l’Ambrosiana Inter).

Al termine della stagione, nel corso della quale venne guidata prima da Napoli e poi da Dietrich, si posizionò a metà classifica affrontando per la prima volta nella sua storia le calabresi Cosenza (1-1 in terra cosentina e 2-1 per i neroverdi alle pendici del monte Sant’Elia) e Reggina (1-2 al Littorio per gli amaranto e 1-1 all’Emilio Bianchi) e il blasonato Savoia che nella metà degli anni ’20 contese lo Scudetto al Genoa. La stagione seguente, dopo essere giunta prima nel campionato di Prima Divisione 1934-35, lasciandosi dietro nobili avversarie quali la Juventus Trapani, la Nissena, la Salernitana e il Benevento e vincendo contro la Reggina (tra andata e ritorno gli amaranto si sobbarcarono 11 reti senza segnarne alcuna), l’undici del magiaro Sandor Peics disputò il girone finale A per la promozione in Serie B con il Taranto, il Falck e l’Andrea Doria.

Girone finale vinto dal Taranto mentre la Palmese, che il 9 giugno 1935 nella gara d’esordio in un Littorio stracolmo superò l’Andrea Doria 4-2, giunse terza. Dopo un fermo di due stagioni riparte dal campionato di Prima Divisione Calabria venendo ammessa alla Serie C 1938-39. A guidarla vi era l’ex attaccante della nazionale italiana (l’allenatore/calciatore Giovanni Vecchina) e al termine del campionato giunse a metà classifica riuscendo a superare il fortissimo Catania al Littorio grazie a una rete di Volpe. Quell’anno coincise anche con la prima e unica partecipazione alla Coppa Italia vinta dall’Ambrosiana Inter di Tony Cargnelli nelle cui fila militava l’ex difensore neroverde Buonocore.

Fermatasi a causa del conflitto armato, riprende l’attività agonistica nel 1947-48 e nel volgere di pochi anni riconquista la Serie C partecipando per l’ultima volta nel 1951-52. A quel campionato vi presero parte squadre del calibro di: Toma Maglie (il cui attacco era guidato dall’implacabile Colla autore di un tripletta nel 3-3 contro la Palmese), Arsenaltaranto (battuto al Giuseppe Lopresti da una rete di Sbarra all’ultimissimo secondo), Lecce (a guidare i salentini vi era il grande Virgilio Felice Levratto), Catanzaro (partita che per la squalifica del Giuseppe Lopresti si giocò al Cibali di Catania con la Palmese che si impose 2-1, doppietta di Sebastiani), Foggia e Latina (ebbe dell’incredibile il 5-5 colto in terra laziale) ma il punto più alto fu raggiunto quando l’undici di Ferenc Hirzer (ex attaccante della Juventus subentrato dopo poche giornate a Silvio Brioschi) vinse contro il Bari al della Vittoria con la rete di Sbarra. Era il 16 marzo 1952 e l’impresa di quella domenica in terra barese verrà accolta a Palmi con scene di giubilo.

Al termine della stagione la Palmese si classificò dodicesima ma la riforma della Serie C (dall’anno venturo a girone unico), la costrinse, come le squadre classificatesi dal quinto al diciottesimo posto, a ripartire dalla IV Serie. Categoria che, nonostante qualche buon risultato (si rammenta il 5-4 all’Acireale, il 4-2 alla Reggina e l’1-0 alla Nocerina), segnò il definitivo tramonto di un periodo che permise di toccare alla più Grande Palmese di sempre vette mai più raggiunte.

Ultimi Articoli

Belvedere Marittimo, danneggiata da un incendio una proprietà del presidente Occhiuto

In un video diffuso sui social il presidente ne dà notizia

Disordini e paura dopo Palmese – Sambiase, i residenti del centro: «Chiediamo più tutele e rispetto»

Intanto la società neroverde condanna il gesto di un piccolo gruppo di tifosi

Porto, Agostinelli: «Il Corap restituisca la disponibilità delle aree ex Enel»

L’Autorità di Sistema portuale dei Mari Tirreno meridionale e Ionio ha invitato il Consorzio...

Scoperto in Calabria un tartufo da record: pesa oltre 800 grammi

Annuncia la scoperta Sassone Tartufi, azienda di eccellenza nella raccolta e lavorazione dei tartufi provenienti dall’Appennino Calabro – Lucano

Zampaglione e Lavecchia tengono a galla la Palmese, 1-1 contro il Sambiase

Sotto di un gol, i neroverdi agguantano il pareggio nella ripresa

Tiro con l’arco, gli Arcieri di Eragon di Palmi vincitori al Campionato Regionale Targa 70/60/50 MT Round

Numerosi i riconoscimenti ottenuti dagli Arcieri di Eragon

Cinquefrondi è sport: domani la presentazione di tre importanti interventi della Metrocity

La Metrocity interverrà con tre importanti opere sugli impianti sportivi della cittadina