Consiglio comunale dei Ragazzi: a Palmi al via la campagna elettorale

Celi: «Crediamo sia questo il modo di formare la futura classe dirigente della Città, facendo vivere loro le Istituzioni in prima persona e rendendoli protagonisti del loro futuro»

0
38

Nella mattinata di giovedì si è aperta ufficialmente la campagna elettorale per il rinnovo del Consiglio Comunale dei Ragazzi e delle Ragazze del Comune di Palmi, che culminerà a fine mese con l’elezione dei 16 piccoli consiglieri. L’Amministrazione comunale ha incontrato gli alunni delle scuole medie presenti sul territorio. I giovani, incoraggiati dal corpo docenti delle scuole “Minniti” e “Zagari-Milone”, si sono dimostrati sin da subito entusiasti di avviare le discussioni relativamente a programmi e pronti a spendersi in prima persona per rappresentare i propri istituti.
           
Nonostante l’emergenza sanitaria abbia fermato le numerose iniziative in programma lo scorso anno, nel biennio appena trascorso il Consiglio giovanile si è reso protagonista di importanti progetti che hanno abbracciato diversi settori: dalla cultura all’arte, dall’ambiente all’istruzione, passando dall’educazione civica. 

Il Presidente Salvatore Celi «Siamo davvero orgogliosi di quanto fatto in questi due anni dai nostri piccoli consiglieri, nonostante lo stop forzato dovuto alla pandemia. Due anni fa abbiamo piantato il seme della Politica in questi ragazzi e giorno dopo giorno, grazie ai professori ed ai loro genitori, è germogliato. Adesso si partirà con una nuova avventura ed un nuovo consiglio, lavorando nel solco di quanto fatto finora. I Consiglieri uscenti saranno ancora protagonisti di questo progetto in quanto dovranno fare da chioccia ai neo consiglieri. Crediamo sia questo il modo di formare la futura classe dirigente della Città, facendo vivere loro le Istituzioni in prima persona e rendendoli protagonisti del loro futuro.»

Prosegue dunque il percorso di formazione civica dedicato ai giovani che l’Amministrazione Comunale ha inteso intraprendere attraverso l’istituzione del consiglio comunale dei ragazzi e delle ragazze, sostenuti fortemente da un instancabile corpo docenti ed appoggiati dalle famiglie dei piccoli consiglieri.