HomeCronacaCondannato l'IC di Anoia per mobbing al collaboratore Salvatore Ciurleo

Condannato l’IC di Anoia per mobbing al collaboratore Salvatore Ciurleo

Pubblicato il

Si conclude, dopo lunghi anni di battaglia processuale, la causa iniziata nel 2018 da Salvatore Ciurleo, collaboratore scolastico presso I.C .Anoia-Maropati-Giffone, contro la sua Amministrazione scolastica.

Il signor Ciurleo, assistito dallo studio legale Sprizzi (specializzato in tematiche giuslavoriste con gli avvocati Domenica Sprizzi e Maria Francesca Sprizzi, convenzionato con il sindacato CGIL) conveniva in giudizio l’Amministrazione scolastica, affinché fossero accertati comportamenti mobbizzanti posti in essere nei suoi confronti dal Dirigente scolastico D.A. dell’Istituto Comprensivo Anoia-Maropati-Giffone, con conseguente condanna al risarcimento dei danni non patrimoniali da ciò discendenti.

Il Tribunale, in persona della dottoressa Maria Antonietta Naso, accogliendo la tesi della difesa del lavoratore, ha ritenuto, come si legge in sentenza che ”le risultanze istruttorie abbiano dato prova di comportamenti da parte del Dirigente scolastico, contrari ai doveri di correttezza e buona fede”  (…).

Il giudice, proseguendo nella sentenza, ha affermato che “la chiusura del Dirigente scolastico alle istanze del ricorrente non appare dettata da effettive necessità di servizio ed organizzative, ma sembra in realtà espressione di un atteggiamento prevaricatorio nei confronti del dipendente disabile ( come dimostrano le frasi irriguardose pronunciate sia in sua assenza che in sua presenza) teso all’emarginazione e allo svilimento dello stesso”. Ancora, nella pronuncia si evidenzia come le decisioni del dirigente  “appaiono irragionevoli e contrarie alla buona fede e correttezza, avendo come unico risultato di emarginare dal contesto lavorativo il ricorrente e di determinare intuibili disagi personali e mortificazioni personali”

La sentenza, articolata e ricca di dati tecnici, non si sottrae alla ricostruzione dell’intera vicenda, finendo per condannare l’Amministrazione scolastica per i comportamenti tenuti dal Dirigente nell’anno scolastico 2014-2015, al risarcimento del danno e alla corresponsione delle relative spese legali.

Il ricorrente, tutta la sua famiglia, i colleghi e l’intera comunità scolastica ritrovano in questa sentenza la restituzione di un dato di giustizia che per lungo tempo li aveva visti mortificati e piegati ad una assurda quanto ingiusta vicenda, discesa unicamente dalla mala fede e dall’atteggiamento di prevaricazione poste in essere da colui che avrebbe dovuto invece garantire non solo il buon funzionamento della scuola che dirigeva, ma anche essere esempio morale per l’intera comunità scolastica, alunni compresi.

È proprio per questo che Salvatore Ciurleo mai ha voluto arrendersi, accettando anche di mettersi sotto i riflettori mediatici in quei giorni per lui difficili e faticosi. Ciò non tanto per il dato personale, ma perché si trattava di una battaglia per il rispetto dei diritti delle persone con disabilità impiegati in attività lavorative, e soprattutto perché egli stesso è sempre stato esempio di correttezza, abnegazione e generosità nei confronti di tutti gli attori scolastici, consapevole di avere la grande responsabilità di costruire certezze positive nei bambini e nei ragazzi che frequentano la scuola. Correttezza e generosità riconosciuti in quei difficili giorni anche da un intera comunità che aveva raccolto più di 600 firme di solidarietà e affisso un pubblico manifesto di denuncia.

Lo Studio Legale Sprizzi, che si è speso senza sosta per l’affermazione dei  diritti fondamentali del proprio cliente, si dice soddisfatto per l’esito della causa, anche considerando quanto sia mai raro e difficile vincere cause in materia di mobbing e straining, rappresentando che il valore della professione forense trova pieno e gratificante riscontro proprio in questioni così delicate e complesse, che tanto ci dicono dei tempi difficili in cui viviamo: tempi  che dimostrano come casi del genere, necessitano di una presenza forense sempre più qualificata e attenta.   

Ultimi Articoli

Incendio Poly2Oil, il Pd Palmi critico nei confronti di Furgiuele

«Strumentale e sterile la nota stampa con cui si tenta di mettere in cattiva luce la gestione dell'emergenza da parte del sindaco»

Comitato di gestione Autorità portuale, Polimeni subentra a Guerrieri

La formalizzazione del nuovo desinato in rappresentanza del comune gioiese, in occasione della prossima riunione si terrà il prossimo 31 luglio

Il PCI di Polistena punta sulla giovane Scali

Mariacatena Scali è la nuova segretaria della sezione “Gramsci” del Partito Comunista Italiano di...

Incendio Poly2Oil, Ranuccio: «L’interrogazione di Furgiuele è frutto di strumentalizzazione politica»

Il sindaco di Palmi difende le scelte fatte nella fase dell'emergenza post incendio, coerenti con il Piano di protezione civile della città

Aeroporto di Reggio, elicottero dei Vigili del Fuoco si ribalta e va in fiamme. Salvi i piloti

L'incidente è avvenuto questo pomeriggio. Attualmente l'Areoporto è chiuso per la messa in sicurezza dell'area

Controlli della Polizia nella Piana, 11 denunce e sanzioni per 15mila euro

Particolare attenzione è stata prestata ai veicoli in transito nelle zone della movida