HomeAltre NotizieComitato palmese pro referendum esprime soddisfazione

Comitato palmese pro referendum esprime soddisfazione

Pubblicato il

Riceviamo e pubblichiamo:
Il comitato Palmese pro referendum esprime la massima soddisfazione per il brillante risultato ottenuto nella consultazione su scala nazionale e locale.
Il risultato ottenuto non è ascrivibile ad una sola persona o ad un gruppo, ma è frutto della collaborazione di donne e uomini di diversa origine politica ed estrazione sociale che hanno, nel corso di queste ultime settimane, profuso il massimo impegno attraverso una costante opera di mobilitazione iniziata nei quartieri e conclusa con l’iniziativa finale di venerdi 10 Giugno in piazza 1 maggio.
Il nostro ringraziamento è rivolto a tutti coloro che attraverso una genuina e disinteressata partecipazione hanno donato il loro tempo alla causa referendaria ed ai 7230 cittadini Palmesi che si sono recati alle urne per abrogare leggi inique prodotte dal governo Berlusconi.

Comitato palmese Pro referendum

Ultimi Articoli

Maltempo, domani allerta meteo arancione sulla Calabria ionica

Previsti temporali e venti di burrasca

San Ferdinando, l’associazione Disìo dona 50 nuovi alberi al Comune per rendere ancora più verde la città

Nei giorni scorsi sono stati piantumati i 50 alberi donati dall’associazione culturale Disìo

Palmi, successo per la 26esima Giornata Nazionale della Colletta Alimentare

Anche AABAC tra le associazioni cittadine promotrici dell'iniziativa

Abusava da anni della figlia minorenne: un arresto nel Vibonese

La vittima delle violenze, poco dopo l'avvio delle indagini, è stata sottratta alla famiglia e collocata in una località protetta.

Truffe online sul pellet, U.Di.Con.: «Prestare molta attenzione»

Il Commissario Regionale Iamundo lancia un avvertimento ai consumatori calabresi

Maropati, omaggio alla figura di Vincenzo Gallizzi

Ricordata a Maropati, la sua città, la figura del politico socialista Vincenzo Gallizzi a...

Smartphone, bollette e gioco. Le abitudini degli italiani fotografate dal Rapporto Coop 2022

In tempi di guerra le abitudini devono per forza cambiare. A maggior ragione se...