HomeCronacaViolenza sulle nipoti minorenni, condannato un operaio di 42 anni

Violenza sulle nipoti minorenni, condannato un operaio di 42 anni

Pubblicato il

La Corte d’Appello di Catanzaro ha ridotto la condanna per un operaio di Crotone accusato di violenza sessuale sulle sue nipoti.

L’uomo, di 42 anni, dovrà scontare 15 anni e 6 mesi di reclusione. La Corte di Appello, presieduta dal giudice Loredana De Franco, lo ha ritenuto colpevole di aver violentato, tra il 2010 ed il 2017, le sue nipoti che all’epoca dell’inizio dei fatti avevano 10 anni e 4 anni.

L’operaio era stato arrestato nell’agosto del 2020 dalla Squadra Mobile di Crotone che aveva raccolto la denuncia di una delle vittime che, dopo un incontro a scuola che aveva come tema la violenza sulle donne, aveva trovato il coraggio di denunciare lo zio per quello che aveva fatto a lei ed alla sorellina.

Le indagini condotte dalla Squadra Mobile hanno messo insieme un quadro accusatorio che, il 5 agosto 2020, ha portato all’arresto dell’uomo e alla sua successiva condanna a 18 anni nel processo di primo grado svolto davanti al Tribunale di Crotone.

Una condanna che la Corte di Appello, lunedì 11 luglio, ha ridotto nonostante la procura generale avesse chiesto la conferma della prima sentenza. Alla lettura della sentenza le vittime – che si sono costituite parte civile assistite dagli avvocati Gaetano De Sole e Maria Vincenza Corigliano – si sono lasciate andare in un pianto liberatorio.

L’uomo è detenuto in carcere a Reggio Calabria.

Ultimi Articoli

Guardia giurata palmese accusata di atti persecutori, il gip decide l’archiviazione

L'uomo era difeso dagli avvocati Mimma Sprizzi, Pasquale Aquino e Antonio Papalia

Polistena Futura denuncia: «Termosifoni spenti nelle scuole. Dov’è il sindaco?»

Il gruppo consiliare di opposizione punta il dito anche contro la mancata nomina degli assistenti ai disabili

Esplosione mortale a Bagnara: una fiamma ossidrica potrebbe essere all’origine dello scoppio

Lo scoppio potrebbe essere stato provocato da una scintilla sprigionata da una fiamma ossidrica

25 novembre, dal “Pizi” di Palmi un forte “no” alla violenza sulle donne

Il “Pizi” fa sentire forte e chiaro il suo “no” alla violenza contro le...

Guardia giurata palmese accusata di atti persecutori, il gip decide l’archiviazione

L'uomo era difeso dagli avvocati Mimma Sprizzi, Pasquale Aquino e Antonio Papalia

Esplosione mortale a Bagnara: una fiamma ossidrica potrebbe essere all’origine dello scoppio

Lo scoppio potrebbe essere stato provocato da una scintilla sprigionata da una fiamma ossidrica

Detenzione illegale di armi e munizioni: arrestato 28enne reggino

Denunciato invece un 52enne per gli stessi reati