Termovalorizzatore, lavoratori senza stipendio da 2 mesi

Il vicesindaco Valerio Romano: «Regione e Città Metropolitana si attivino per tutelare i diritti di chi lavora»

0
540
Il Comune di Gioia Tauro

Riceviamo e pubblichiamo:

Siamo venuti a conoscenza che i lavoratori del Termovalorizzatore sono senza il pagamento della retribuzione da 2 mesi. C’è qualcosa che non va, quando le strutture pubbliche che vengono gestisti dai privati non pagano i dipendenti.

C’è qualcosa che non va quando i prezzi di conferimento per i rifiuti lievitano in maniera considerevole pur essendo strutture pubbliche. È chiaro che il sistema dei rifiuti va totalmente rivisto, non si può subire il ricatto dei privati che continuano a fare il buono ed il cattivo tempo, facendo pagare il prezzo più alto ai conti pubblici ed ai cittadini.

C’è bisogno invece, di ritornare come pubblico in possesso dei beni e di provare a gestire direttamente le strutture, c’è anche bisogno di rivedere la situazione impiantistica dei conferimenti dei rifiuti differenziati dei privati.

È certo che se da un lato si paga il ritardo del pubblico di essere capace di aggiornarsi e pensare per tempo alle strutture necessarie, dall’altro nel tempo si sono date autorizzazioni ai privati che continuano ad imporre prezzi proibitivi “strozzando” i comuni. Deve essere il pubblico a dettare le regole, non il contrario. 

Chiediamo pertanto che vengano immediatamente pagati i lavoratori del Termovalorizzatore di Gioia Tauro in modo da dare sollievo a loro ed alle loro famiglie a cui esprimiamo la nostra vicinanza e solidarietà. Allo stesso tempo crediamo sia il caso di avviare un’attenta riflessione sul sistema rifiuti della Città Metropolitana e della Regione Calabria al fine di salvaguardare gli interessi dei cittadini e delle comunità che ormai da troppo tempo pagano la mala gestione della cosa pubblica.

Valerio Romano

Vice sindaco di Gioia Tauro