Smaltimento di rifiuti illeciti a Rosarno: sequestrata un’area del demanio marittimo

Tra i cumuli i militari hanno trovato pneumatici, lamiere in eternit e materiale di risulta

0
21

I militari della Compagnia di Gioia Tauro, nei giorni scorsi, sono stati impegnati in un’attività di controllo, volta al contrasto ai molti fenomeni criminali, a tutela dell’ambiente, tra i quali lo sversamento illecito di rifiuti, col supporto dei carabinieri Forestali e dei reparti specializzati.

Così i militari della Stazione hanno eseguito sequestri preventivi di diverse aree comunali, tra cui alcuni siti nelle vicinanze di via Ciambra e via Asmara, dove risultavano accatastati svariati cumuli di rifiuti, anche ingombranti e speciali.

Nel medesimo contesto, a Rosarno, i Carabinieri hanno individuato una vasta area di 6.700 metri quadri nei pressi della foce del fiume Mesima, in Contrada Carosello, adibita a vera e propria discarica di rifiuti a cielo aperto. I carabinieri, insieme al personale della Capitaneria di Porto di Gioia Tauro, hanno sottoposto a sequestro preventivo la zona interessata, per violazioni in materia ambientale.

Tra i cumuli di rifiuti rinvenuti dai militari, rientrano ingombranti, speciali, pneumatici esausti, materiale di risulta dell’edilizia e lamiere di eternit, che verranno appositamente analizzati dagli enti preposti ai fini di essere sottoposti alla successiva procedura di smaltimento delle sostanze nocive.

L’operazione messa in atto dai militari è stata volta ad impedire l’ulteriore deturpamento dell’area costiera di proprietà del Demanio Marittimo e impedire anche l’inquinamento del corso d’acqua limitrofo.