HomeCronacaSequestrati prodotti di Carnevale pericolosi. Controlli a Gioia Tauro, Rosarno e Reggio...

Sequestrati prodotti di Carnevale pericolosi. Controlli a Gioia Tauro, Rosarno e Reggio Calabria

Pubblicato il

I Carabinieri del Nas di Reggio Calabria durante il periodo di Carnevale sono stati impegnati in numerose ispezioni presso attività commerciali che ponevano in vendita costumi, maschere e giocattoli per bambini, allo scopo di reprimere il commercio di prodotti non certificati e quindi potenzialmente pericolosi per la salute.

I controlli sono stati eseguiti in Reggio Calabria, Gioia Tauro e Rosarno, presso centri commerciali gestiti da soggetti di etnia cinese, e si sono conclusi con il sequestro di oltre 300 prodotti carnevaleschi (maschere, parrucche, occhiali) privi del marchio CE, delle indicazioni sulla sicurezza per bambini e sul corretto utilizzo per evitare danni alla salute, al fine di evitare per esempio ferite, soffocamento o asfissia a danno dei più piccoli o che siano stati utilizzati, per la fabbricazione, coloranti tossici. 

Complessivamente sono state elevate sanzioni per 9.000 euro e le quattro attività commerciali sono state segnalate alla Camera di Commercio di Reggio Calabria per le valutazioni di competenza. 

Ultimi Articoli

Guardia giurata palmese accusata di atti persecutori, il gip decide l’archiviazione

L'uomo era difeso dagli avvocati Mimma Sprizzi, Pasquale Aquino e Antonio Papalia

Polistena Futura denuncia: «Termosifoni spenti nelle scuole. Dov’è il sindaco?»

Il gruppo consiliare di opposizione punta il dito anche contro la mancata nomina degli assistenti ai disabili

Esplosione mortale a Bagnara: una fiamma ossidrica potrebbe essere all’origine dello scoppio

Lo scoppio potrebbe essere stato provocato da una scintilla sprigionata da una fiamma ossidrica

25 novembre, dal “Pizi” di Palmi un forte “no” alla violenza sulle donne

Il “Pizi” fa sentire forte e chiaro il suo “no” alla violenza contro le...

Guardia giurata palmese accusata di atti persecutori, il gip decide l’archiviazione

L'uomo era difeso dagli avvocati Mimma Sprizzi, Pasquale Aquino e Antonio Papalia

Esplosione mortale a Bagnara: una fiamma ossidrica potrebbe essere all’origine dello scoppio

Lo scoppio potrebbe essere stato provocato da una scintilla sprigionata da una fiamma ossidrica

Detenzione illegale di armi e munizioni: arrestato 28enne reggino

Denunciato invece un 52enne per gli stessi reati