Rosarno, Imu sui terreni agricoli: La giunta replica all’Udc

Riceviamo e pubblichiamo:

la nuova giunta
la nuova giunta
La locale sezione UDC continua a diffondere comunicati stampa, tendenti a denigrare l’amministrazione comunale, utilizzando ripetutamente illazioni e giudizi di merito sulle persone.

Ovviamente, non siamo abituati alla rozzezza e non replicheremo con il loro linguaggio, ma vogliamo rispondere alle assurdità dell’IMU sui terreni agricoli contenute nell’ultimo, della serie infinita, di comunicati stampa.

Inquieto
Inquieto Inquieto Ape maia Inquieto

Il Consiglio Comunale e non la Giunta, nella seduta dell’otto luglio 2013, con delibera n. 33, ha confermato l’aliquota IMU sui terreni agricoli, già in vigore nel 2012, per il 2013 nella misura dello 0,76 per mille.

Tale conferma è stata assunta all’unanimità dei presenti, ossia anche dai due consiglieri dell’UDC (Rachele e Palaia).

Bisogna dunque pensare che a distanza di cinque mesi il commissario della sezione ed i suoi consiglieri non si siano mai parlati o l’attacco “politico” sull’IMU è solo un pretesto per conquistare le pagine dei giornali locali, diffondendo falsità senza specificare che la stessa non è dovuta dai coltivatori diretti e dagli imprenditori agricoli a titolo principale.

Basta speculazioni, occorre verità in un momento di crisi del settore agricolo come questo che non può certo essere imputata all’Amministrazione Comunale ma a chi come la Regione Calabria ha abbandonato questo settore della Piana di Rosarno al suo destino.

Come ente siamo vicini agli agricoltori e alle famiglie in difficoltà e invitiamo la sezione UDC, di cui non conosciamo né l’indirizzo né il numero civico, durante queste feste, ad una piccola cura di fosforo, per rinfrescare la memoria corta.

Rosarno, 23/12/13

L’Amministrazione Comunale