Rosarno, i residenti di contrada Bosco chiedono la riqualificazione di piazza Sant’Antonio

«Qui risiedono oltre 2000 persone e hanno sede molte aziende agricole della città»

0
53

a.Ripulire contrada Bosco di Rosarno dalle erbacce che rendono la zona poco accogliente e degradata.

È la richiesta fatta al commissario Reppucci dalle famiglie che vivono in contrada Bosco; qui risiedono oltre 2000 persone, l’area è anche sede della maggior parte delle aziende agricole della città.

«Ravvisiamo la necessità di un intervento, sia con il taglio delle erbacce e potatura dell’ingombrante siepe, ma in modo particolare chiediamo che il Commissario Reppucci dia mandato agli Uffici preposti del Comune di Rosarno per progettare un nuovo “Parco Giochi Attrezzato per Divertimento” con l’obbiettivo di dare libertà e sicurezza al gioco di ogni bambino e di chi lo accompagna, con la finalità che la Piazza Sant’Antonio diventi un punto di incontro per le famiglie del territorio, dove i giovani possono giocare, suonare, fare spettacolo teatrale e socializzare», si legge nel comunicato stampa diramato dalle famiglie di Contrada Bosco.

Le “mamme”, con il dottore Teodoro De Maria, indicano la possibilità di realizzare il progetto, utilizzando i “Contributi per Investimenti e Infrastrutture Sociali” di € 47.000 già impegnati nella Giunta del 8 ottobre 2020 con Deliberazione n.113.

In oltre il dottor Teodoro De Maria mette all’attenzione del Commissario Reppucci che l’Ente Comunale è tenuto ad iniziare i lavori per la realizzazione delle Opere Pubbliche entro il 30 settembre dell’anno 2021, pena il definanziamento cioè la perdita dei soldi già stanziati.

«Sicuri di una pronta risposta esaustiva e benefica per i giovani del territorio di Rosarno, da parte del Commissario Reppucci e dell’architetto Domenica Corigliano, ringraziano anticipatamente e sono lieti della proficua collaborazione», termina la no