HomeLavoroPorto: E' in corso il referendum tra i lavoratori

Porto: E’ in corso il referendum tra i lavoratori

Pubblicato il

GIOIA TAURO (28 LUGLIO 2011) – I lavoratori del porto di Gioia Tauro decideranno domani con un referendum se l’accordo di massima raggiunto ieri tra i Cgil, Cisl, Uil ed Ugl e la Medcenter dovrà essere firmato oppure no.

L’intesa sull’applicazione degli esuberi e sui criteri con i quali applicare la cassa integrazione, è stata al centro della discussione nel corso dell’assemblea di questa mattina.

La novità di maggior rilievo è la scomparsa del punto che riguardava il raggiungimento, da parte degli operatori dei piazzali di 30 container movimentati ogni ora, che era stato chiesto dall’Azienda.

Nella bozza d’accordo e’ stato concordato, che le prestazioni dovranno comunque essere adeguate alle esigenze di mercato. Per quanto riguarda invece l’alternanza terra-mezzi, le parti hanno deciso che i carrellisti (il lavoro piu’ stressante) staranno sui mezzi per il 75% del loro turno di lavoro e per il restante staranno a terra svolgendo altre mansioni.

L’intesa non è stata siglata dal Sul. In attesa dell’esito del referendum, restano bloccate le attività del porto e prosegue lo sciopero dei lavoratori Mct.

Ultimi Articoli

Volley, l’OmiFer attende la Capitale nella bolgia del PalaSurace

Domani la squadra di mister Radici sfiderà in casa la SMI Roma

Al Teatro Gentile di Cittanova in scena Tosca d’Aquino e Giampiero Ingrassia

Il 9 febbraio appuntamento con "Amori e sapori nelle cucine del Gattopardo"

Reggio, domani la presentazione di “Guida all’Aspromonte misterioso”

Edito da Rubettino, è stato scritto da Giuseppe Battaglia e Alfonso Picone Chiodo

Orsa: «Il sistema di premiazione penalizza i lavoratori portuali»

Le disposizioni contestate sono contenute in una bozza di accordo per la contrattazione di secondo livello

Spi Cgil Calabria, Claudia Carlino ancora alla guida

Con una valanga di voti a favore, ben 63 ed 1 contrario, la segretaria...

Nasce “Aliva”, azienda di complementi d’arredo con legno di potatura di ulivi

L'idea è di quattro ragazzi calabresi: Antonio Centorrino, Vincenzo Fratea, Gabriel Gabriele e Marco Macrì