Per le italiane in Champions è giunto il momento della verità

Già nella passata stagione le squadre italiane partecipanti alla Champions League avevano avuto modo di mettersi in mostra e due di queste, Juventus e Roma, avevano addirittura accarezzato il sogno di incontrarsi nella finale della competizione.

Entrambe però, dopo una cavalcata memorabile, hanno visto interrompersi il loro cammino in semifinale: la Roma per colpa degli inglesi del Liverpool e la Juventus per mano degli spagnoli del Real Madrid.

il buon caffè della Piana il buon caffè della Piana il buon caffè della Piana Ape maia

Quest’anno, invece, l’inizio di competizione è stato entusiasmante per tutte e quattro le italiane in Champions: mentre però proprio la Roma e la Juventus si sono già qualificate per la fase ad eliminazione diretta, per Napoli ed Inter il discorso qualificazione agli ottavi si è complicato e non poco ed entrambe si giocheranno tutto nell’ultima partita del girone.

Facebook

Juventus

I bianconeri, allenati da un sempre più convincente e pragmatico Massimiliano Allegri, sono reduci dalla conquista di ben sette scudetti consecutivi e dopo le prime 14 gare di campionato si candidano con forza a vincere anche l’ottavo. Al sei di dicembre, infatti, l’unica squadra che si è dimostrata in grado di impensierire seriamente la Juventus nella lotta scudetto è il Napoli di Carlo Ancelotti ed i bianconeri, a quota 1,25, sono gli assoluti favoriti per la vittoria del campionato di serie A. Il vero obiettivo stagionale della Juventus, tuttavia, dopo l’arrivo in Italia di Cristiano Ronaldo, è la conquista della Champions League che, divenuta una vera e propria ossessione per tutti i tifosi juventini, manca da Torino da più di venti anni. Se nelle passate stagioni la Juventus è sempre arrivata ad un passo dal trionfo europeo, perdendo due finali e due semifinali, quest’anno sembra essere quello buono.

Facebook

Napoli

La stagione dei partenopei era iniziata tra non poche perplessità: dopo due anni di record e bel gioco, seppur senza alcun titolo, trascorsi con Maurizio Sarri in panchina, quest’anno la società ha deciso di puntare su uno degli allenatori più vincenti in circolazione, Carlo Ancelotti. L’emiliano, giunto a Napoli con una serenità ed una consapevolezza senza precedenti, dopo le prime giornate di assestamento ha deciso di cambiare modulo, passando dal collaudato 4-3-3 ad un più classico 4-4-2 ed i risultati non hanno tardato ad arrivare. Del cambio modulo sembrano aver giovato soprattutto Lorenzo Insigne e Dries Mertens che stanno letteralmente trascinando gli azzurri a suon di goal. Nonostante ad oggi i partenopei siano primi nel loro girone di Champions, davanti a PSG e Liverpool, non sono ancora qualificati agli ottavi di finale e si giocheranno tutto nella prossima partita ad Anfield proprio contro i Reds. La sensazione, in ogni caso, è che la squadra di mister Ancelotti abbia compiuto il definitivo salto di qualità e sia finalmente giunta al livello di tutti i top club di Europa.

Facebook

Inter

I nerazzurri, sotto la guida di mister Luciano Spalletti, nella passata stagione sono riusciti a riconquistare la Champions League dopo molti anni di assenza. L’esordio nella competizione è stato a dir poco entusiasmante grazie alla vittorie in rimonta conquistate contro gli inglesi del Tottenham e gli olandesi del PSV. A causa del solo punto ottenuto nella doppia sfida contro il Barcellona e della recente sconfitta proprio contro il Tottenham, l’Inter, ad oggi, non è qualificata agli ottavi e si giocherà la vita nell’ultima partita del girone. Oltre a vincere il proprio incontro contro il PSV l’Inter dovrà prestare attenzione a quanto accadrà al Camp Nou di Barcellona dove i catalani, già qualificati, sfideranno gli Spurs. In questo inizio di stagione, ad ogni modo, i nerazzurri hanno dato l’impressione di essere una squadra matura che si difende bene, anche per merito dell’arrivo di De Vrij, e che, grazie ad un letale Mauro Icardi, punisce gli avversari alla prima occasione utile. Proprio l’attaccante argentino sta dimostrando di essere la vera arma in più dell’Inter di questa stagione ed è principalmente grazie ai suoi goal, già otto in campionato, che l’Inter sta riuscendo a tenere il passo di Juventus e Napoli.

Facebook

Roma

I giallorossi stanno vivendo una stagione di alti e bassi, continuando ad alternare vittorie conquistate con merito contro avversari di primo livello a sconfitte contro le ultime della classe. Nonostante ciò, insieme alla Juventus, grazie alla vittorie nel proprio girone contro i russi del CSKA di Mosca ed i cechi del Viktoria Plzen, sono già qualificati agli ottavi della competizione e sognano di ripetere la straordinaria cavalcata della passata stagione quando, come detto, dopo l’incredibile rimonta ai quarti contro il Barcellona, si fermarono solo in semifinale a seguito della doppia sfida contro il Liverpool. Come spesso accade per le squadre costruite dal DS Monchi questa Roma sembra riuscire ad esprimersi al meglio in ambito europeo dove, a differenza di quanto accade nel campionato italiano, le squadre avversarie tendono a sbilanciarsi ed a concedere di più. Il problema principale dei giallorossi è che la propria rosa è composta da giocatori che, seppur siano di indiscusso talento, sono ancora molto giovani e non hanno esperienza ad alti livelli.

Dopo anni complicati in cui il nostro movimento calcistico, sia a livello di nazionale che di squadre di club, ha toccato probabilmente il punto più basso della propria storia, sembra che finalmente qualcosa stia cambiando. Le squadre italiane appaiono sempre più competitive e la sensazione è che nei prossimi anni le cose non possano fare altro che migliorare. Dal canto nostro, da appassionati di questo magnifico sport, possiamo solo augurarci che tutte le italiane possano superare i propri gironi di Champions e recitare il ruolo di protagonista nella più importante competizione per club al mondo.