HomeAltre NotiziePalmi: L'opposizione a Palazzo San Nicola

Palmi: L’opposizione a Palazzo San Nicola

Pubblicato il

L'opposizione in consiglio comunale

PALMI (7 agosto 2011) – L’interrogativo che più di frequente ricorre in questi giorni a Palmi, è se davvero il sindaco ha intenzione di andar via o se si avvarrà anche questa volta dei venti giorni tra la comunicazione delle dimissioni e l’ufficializzazione, o il ritiro, per ripensarci e tentare di costruire alleanza che gli frutti qualcosa di buono.

Domani l’opposizione tutta si incontrerà per discutere proprio del suo ruolo in questa fase un po’ turbolenta della politica palmese, che sta portando scompiglio in città: sarebbero 11 i consiglieri pronti a dimettersi, ma indiscrezioni provenienti dagli ambienti della politica raccontano invece di un tentativo di “salvataggio” che qualche consigliere vorrebbe mettere in atto per convincere Gaudio a ritirare le dimissioni.

Già da ieri mattina, infatti, in città si susseguivano voci riguardanti la volontà espressa da alcuni membri del consiglio, di provare a rimettere il sindaco in sella alla poltrona di Palazzo San Nicola, quegli stessi membri che giorno 25 luglio hanno firmato una mozione di sfiducia al sindaco.

Ancora 24 ore di tempo e sapremo come il consiglio ha deciso di determinarsi.

Viviana Minasi

Ultimi Articoli

Volley, l’OmiFer attende la Capitale nella bolgia del PalaSurace

Domani la squadra di mister Radici sfiderà in casa la SMI Roma

Al Teatro Gentile di Cittanova in scena Tosca d’Aquino e Giampiero Ingrassia

Il 9 febbraio appuntamento con "Amori e sapori nelle cucine del Gattopardo"

Reggio, domani la presentazione di “Guida all’Aspromonte misterioso”

Edito da Rubettino, è stato scritto da Giuseppe Battaglia e Alfonso Picone Chiodo

La Metrocity torna alla Bit di Milano: il 13 febbraio riflettori sulla Varia di Palmi e la Biennale dello Stretto

Conferenze e degustazioni per presentare il meglio dell'offerta turistica del territorio

Cinquefrondi, l’arredo urbano si fa “smart”

L’idea è quella di unire l’utile al dilettevole impiegando l’arredo urbano “smart” come veicolo...