Palmi, arriva la nuova ZTL e scoppia la polemica

Sui social sono tanti i commenti di persone preoccupate per l'attivazione dell'area pedonale. Managò: «Nessuna novità di sorta rispetto agli anni scorsi»

A Palmi la ZTL esiste da almeno 10 anni, ma la maggior parte dei palmesi non lo sa. O forse non ha ben chiaro il concetto di Zona a Traffico Limitato.

Sono giorni, ormai, che su Facebook, sulla pagina ufficiale del Comune di Palmi ed in altre pagine in cui vengono riportati fatti che riguardano la città di Palmi, si leggono commenti di persone preoccupate dall’entrata in vigore della ZTL estiva, che avviene il 15 di Luglio da circa un decennio a questa parte.

il buon caffè della Piana il buon caffè della Piana il buon caffè della Piana Ape maia

Ogni anno, infatti, in questa data viene inibito il transito alle auto ed alle moto, a partire dalle 20, in tutta l’area che va da piazza I Maggio fino al Belvedere “Suriano”, compresa via Rosselli, la via che da corso Garibaldi porta fino in villa comunale. Un’area che diventa, appunto, Zona a Traffico Limitato. 

A partire dal 15 Luglio prossimo, la ZTL riguarderà un’area più vasta; inizierà a piazza Libertà e si estenderà fino alla via Roma. 

Attraverso un post pubblicato sulla pagina ufficiale Facebook del Comune di Palmi, è stata comunicata nei giorni l’attivazione della ZTL, con tutte le informazioni dettagliate, ed è scattata la critica insieme alla polemica.

«Non è così che si incrementa il turismo», scrive qualcuno; «Già a Palmi non viene nessuno, figuriamoci adesso», ribatte un altro, e via dicendo.

A chiarire che non si tratta di niente che già non esistesse, ossia la pedonalizzazione di una zona del centro urbano, è intervenuto il comandante della polizia locale di Palmi Francesco Managò, con un lungo e dettagliato post su Facebook. 

Ma qual è la novità che desta preoccupazione quest’anno?

È l’installazione della segnaletica verticale luminosa che indica la ZTL è attiva, e quindi quando il transito in quell’area è consentito solo ai pedoni, e quando non lo è, permettendo il passaggio dei mezzi. 

Nei giorni scorsi, nelle due zone d’accesso alla piazza I Maggio (da corso Garibaldi e da corso Tenente Aldo Barbaro) sono stati installati i pannelli luminosi su cui viene indicata la “ZTL attiva” e la “ZTL non attiva”; inoltre, per facilitare gli automobilisti, quando la Zona a Traffico Limitato è attiva il dissuasore installato lo scorso anno sarà sollevato.

Questo tipo di segnaletica, presente da anni in tutte le città che hanno un centro storico con ZTL, evita l’uso delle transenne che in un centro urbano sono poco decorose.

Il controllo delle auto avviene, così come in tutte le città in cui la ZTL è regolata da indicatori luminosi, elettronicamente: un sistema rileva il passaggio delle auto, segnalando quelle autorizzate a passare (ossia le auto dei residenti che hanno comunicato agli uffici di polizia locale la targa della propria auto), e quelle non autorizzate. 

Un meccanismo molto più complesso da spiegare che da affrontare…