Morte Santelli, Iamundo (U.Do.Con.): «Esempio di vita e di lotta, lascia un vuoto nella regione»

0
50

«La morte della Presidente della Regione Calabria, Jole Santelli, lascia un enorme vuoto nella nostra regione. L’U.Di.Con. Regionale Calabria esprime tutta la vicinanza a tutti i cari dell’On. Santelli».

Così il Commissario Regionale dell’Associazione dei Consumatori, Nico Iamundo, in una nota stampa per esprimere la sua personale commozione.

«Una notizia che ha sconvolto il mondo della politica e dell’associazionismo di tutta la regione Calabria e di tutta la Nazione, una perdita improvvisa che causerà un vuoto incolmabile nella realtà in cui operava e nei cuori di chi collaborava con Lei – prosegue Iamundo – Col suo esempio di vita e di lotta, la prima Presidente donna della Calabria ci lascia un’importante eredità da proteggere e portare avanti: la sua bruciante passione, la sua innata curiosità, il suo indomabile spirito combattivo devono essere i fari che dovranno illuminare il cammino di chi dovrà proseguire nel suo incarico».

«Sicuramente la Calabria ed i calabresi saranno più soli, senza di Lei, ma quello che l’On. Santelli ha rappresentato è qui per restare – continua Iamundo – i valori più nobili della politica, incarnati nell’agire pubblico quanto in quello privato, hanno sempre primeggiato in ogni discussione e dibattito che la vedevano coinvolta, sempre in prima linea, e da lì bisogna ripartire per onorare la memoria della Presidente. Ha guidato la Calabria in questi pochi mesi, mirando alla conservazione, alla promozione del patrimonio storico e morale della nostra regione».

«Ci uniamo – conclude il Commissario Regionale U.Di.Con. Calabria – alla enorme sofferenza dei familiari e dei tantissimi amici che, ancora increduli come noi, in queste ore stanno affollando i social con messaggi di cordoglio e vicinanza ai parenti, ricordando che per tutta la vita l’On. Santelli è stata sempre in prima linea in favore della sua amata Calabria, senza risparmiarsi, e lo ha sempre fatto con amore ed entusiasmo».