HomeSocietàLa Calabria sale a bordo della nave ResQ People

La Calabria sale a bordo della nave ResQ People

Pubblicato il

Come equipaggio di terra ResQ Calabria siamo pronti a ospitare parte dell’equipaggio di bordo della nave ong ResQ People per una “Tre giorni contro il naufragio dei diritti umani”. Un tour di raccolta fondi da nord a sud del nostro territorio, 30 giugno, 1 e 2 luglio con tappe a Cosenza, San Ferdinando e Villa San Giovanni.

Le raccolta fondi

Inizieremo giovedì prossimo, 30 giugno con un aperitvo-cena solidale al Giardino Pensile, una terrazza verde panoramica nel quartiere di Portapiana. Con noi ci saranno musicisti, poeti e cantautori come Sasà Calabrese, Checco Pallone, Veronica Bria e Daniel Cundari. Insieme con Corrado Mandreoli, vicepresidente della ong, ci collegheremo in diretta con la nave impegnata nella terza missione.

Da precisare che all’organizzazione della serata stanno contribuendo diverse aziende impegnate nella ristorazione ed enogastronomia che stanno sponsorizzando l’evento offrendo vino e prodotti tipici del territorio. Ne daremo ampiamente conto durante la serata.

Il 1° luglio ci sposteremo nella Piana di Gioia Tauro, a San Ferdinando, in un luogo dalla forte valenza sociale e politica. Il nuovo ostello Dambe So, che in lingua Bambarà vuol dire “Casa della Dignità”. Un progetto promosso da Mediterranean Hope, in collaborazione tra gli altri con Sos Rosarno, che vuole porre fine ai ghetti e tendopoli dove sopravvivono i lavoratori braccianti. Chiuderà la serata Dj Melo Zamo.

Il 2 luglio, concluderemo con un il terzo aperitivo solidale ospiti del CSC Nuvola Rossa di Villa San Giovanni, presidio dove già da tempo si pratica sostegno alla solidarietà internazionale, contro lo sfruttamento nel lavoro. 

Perché la nave della “società civile”?

ResQ naviga nel Mediterraneo centrale, davanti alla zona SAR libica, la frontiera più letale del pianeta, con un obiettivo molto preciso: salvare le imbarcazioni cariche di persone in difficoltà prima che arrivino le motovedette libiche a riportarle nei lager della tortura. 

ResQ People, nata a inizio del 2021, tra una zona rossa e l’altra, per iniziativa di un gruppo di attivisti milanesi, è partita per la sua prima missione di ricerca e soccorso il 7 agosto 2021 e ha portato in salvo 166 persone. La seconda missione è salpata l’8 ottobre 2021 e ha soccorso 59 persone. Oltre all’equipaggio di bordo, che opera sulla nave, il secondo motore della ResQ People è la grande rete degli equipaggi di terra. Gruppi locali, di cittadine e cittadini attivi da Saronno fino a Siracusa, che hanno due compiti fondamentali: raccogliere fondi per la nave e organizzare iniziative di divulgazione circa il lavoro e il progetto di ResQ. Per raccontare, anche nelle scuole, quanto sia importante essere presenti nel Mediterraneo centrale, nella totale assenza delle istituzioni italiane ed europee. In una costante rincorsa contro il tempo ad anticipare la feroce guardia costiera libica.

Nel 2021 secondo Oim e Unhcr sono state oltre 3mila le morti in mare e nuovi naufragi si sono verificati nei primi mesi di quest’anno. Ma l’Ue e i governi nazionali restano fermi a guardare, per questo è importante l’impegno delle ong come ResQ. E noi, come equipaggio calabrese, siamo stati a bordo della nave quando era attraccata al porto di Siracusa e vogliamo contribuire in ogni modo all’economia delle prossime missioni e al racconto di questo progetto così importante.

Iniziamo con questa tre giorni con ResQ per mettere al sicuro le persone migranti dalle motovedette libiche ed evitare così altri naufragi dei diritti umani.

ResQ Calabria – Equipaggio di terra

Ultimi Articoli

Volley, Omifer Palmi vince in splendida rimonta su Aversa

Massima la soddisfazione espressa da mister Radici

Maltempo nel Catanzarese, salvi due giovani travolti in auto da un torrente in piena

Uno dei due giovani stava per annegare, ma l'amico che era insieme a lui è riuscito a salvarlo

“Forme e Colori” a Gioia Tauro: esposte anche le opere degli studenti del “Pizi” di Palmi

Le opere degli studenti hanno dato un grande contributo alla buona riuscita dell’evento

“Cuore Prometeus”: le iniziative di beneficenza dell’Associazione palmese

Donazioni alla scuola De Zerbi – Milone e al G.O.M. di Reggio Calabria

“Forme e Colori” a Gioia Tauro: esposte anche le opere degli studenti del “Pizi” di Palmi

Le opere degli studenti hanno dato un grande contributo alla buona riuscita dell’evento

“Cuore Prometeus”: le iniziative di beneficenza dell’Associazione palmese

Donazioni alla scuola De Zerbi – Milone e al G.O.M. di Reggio Calabria

Gioia Tauro, arte e tradizioni di famiglia all’inaugurazione di “Forme e Colori”

Tra i numerosi artisti in esposizione, tre di loro sono accomunati da un legame speciale