HomeAltre NotizieInfantino: "a Palmi due assessori ai lavori pubblici, anzi tre"

Infantino: “a Palmi due assessori ai lavori pubblici, anzi tre”

Pubblicato il

Riceviamo e pubblichiamo:

Forse è l’unico caso in Italia. A Palmi, d’ora in poi a dirigere il delicato settore dei Lavori Pubblici saranno due assessori: Melara e Pace. Anzi tre,se consideriamo la delega, inerente la sistemazione delle strade cittadine, affidata dal Sindaco Barone al consigliere Surace.
Per una volta non ci sentiamo di criticare la scelta del Sindaco. A Palmi, in effetti,è un pullulare di cantieri. Serviva, quindi, una “task force” dalle enormi capacità operative in grado di portare a termine le grandi e piccole opere.

municipio palmiFrancamente, al di là della facile ironia, dopo quest’ultima trovata, mutuando il titolo di un bellissimo film del compianto Massimo Troisi, non ci resta che piangere.
A distanza di tre mesi nulla è cambiato. Barone, dopo la vicenda giudiziaria che ha coinvolto un suo assessore, aveva promesso un cambiamento epocale. Anche sotto la spinta degli esponenti del nuovo centro destra e del consigliere Surace, per alcuni assessori, con in testa Natale Pace, la sorte sembrava definitivamente segnata. Quindici giorni fa, dopo una squallida manfrina, il Sindaco ha invece confermato tutti gli assessori, lasciando solo un posto vacante, quello che era occupato dall’assessore Isola prontamente dimissionatoper i guai giudiziari.

Nel riaffidare le deleghe, toglie quella ai Lavori Pubblici all’Assessore Natale Pace e la affida all’Assessore Carmelo Melara. Una soluzione che, evidentemente, non ha soddisfattoPace,al punto tale, hanno riferito alcuni rumors, che avrebbe addirittura minacciato di lasciare l’assessorato (Decisione che avrebbe fatto bene a prendere, visto i danni che ha combinato a partire dalla scandalosa gestione di Villa Repaci, del PRU edel PSC, bocciato, sia dalla Provincia sia dalla Regione, e in questo momento sotto la lente d’ingrandimento della Procura di Palmi).

A quanto pare la minaccia ha prodotto i suoi effetti. Barone dopo quindici giorni ci ripensa. Incurante dei mal di pancia del consigliere Surace, che non voleva Pace in Giunta, e sensibile alle minacce, con il Decreto n. 5 (l’ennesimo), rimodula le deleghe e spacchetta quello dei Lavori Pubblici. Ma cosa si è inventato il novello ‘mago Zurlì’? All’assessore Carmelo Melara affida la gestione delle piccole opere pubbliche, (di importo fino a 100.000 euro), mentre all’assessore Natale Pace affida la gestione delle opere per importi superioriai 100.000 euro.

A cosa serve un’operazione del genere? Perché affidare a due assessori pratiche che sono gestite dallo stesso ufficio? La gestione politica amministrativa di un Comune importante come Palmi, non può diventare una distribuzione di ‘caramelle’ per accontentare questo o quel rappresentante di maggioranza. “cui prodest”?

Lo diciamo ormai da tanto tempo. La maggioranza di centrodestra ha portato nel baratro la città. Il Sindaco farebbe bene a lasciare Palazzo San Nicola. Sono certo che nessuno, a parte i suoi stretti sodali, lo rimpiangerà.

Enzo Infantino
Laboratorio Politico Progresso e Libertà

Ultimi Articoli

Palmi, incontro tra sindaci: Ranuccio riceve il primo cittadino di Montlieu-la-Garde

Nicolas Morassutti, dopo essere stato in città nel 2018 per un'iniziativa di beneficenza, è tornato in vacanza

Alimenti senza certificazione in lidi e ristoranti: sanzioni per 25mila euro a Reggio

Sequestrati dai carabinieri oltre 400 kg di prodotti alimentari privi di tracciabilità e riscontrate in numerose attività gravi carenze igienico-sanitarie

Cittanova, gli studenti del liceo Guerrisi protagonisti della passeggiata lungo “Le vie dei poeti”

L'evento si svolgerà il 16 e 17 agosto a partire dalle 22

Violato il domicilio del consigliere Giancarlo Cannata

Spiacevole episodio per il consigliere di Polistena Futura Giancarlo Cannata. Qualche sera addietro ignoti...

Palmi, incontro tra sindaci: Ranuccio riceve il primo cittadino di Montlieu-la-Garde

Nicolas Morassutti, dopo essere stato in città nel 2018 per un'iniziativa di beneficenza, è tornato in vacanza

Lo studio Architensions di New York dona un masterplan alla città di San Ferdinando

Lo studio Architensions, in collaborazione con l’Associazione Culturale Disìo e il Comune, ha progettato la nuova visione urbana per lo sviluppo di San Ferdinando

Politiche 2022, Occhiuto: «Se vince il centrodestra, rigassificatore a Gioia Tauro»

Le dichiarazioni del presidente Occhiuto a "Il Giornale"