Incontro delle Associazioni ambientaliste sul Golfo di Gioia Tauro

Riceviamo e pubblichiamo:

Nella giornata del 9 u.s. si è svolto alla Tonnara di Palmi un importante incontro tra le principali associazioni ambientaliste gravitanti sul golfo di Gioia Tauro.

Inquieto
InquietoInquieto Ape maiaInquieto

Il principale scopo della riunione è stato quello di verificare la possibilità di costituire un coordinamento tra dette associazioni per condividere, valorizzare e rendere più efficaci le attività dei singoli sodalizi che, da anni, conducono importanti battaglie per la salvaguardia dell’ambiente e la tutela della salute, con particolare riguardo al tema dell’inquinamento marino che, quest’estate, come ormai si registra da decenni, ha evidenziato segni evidenti di criticità in tutta la fascia costiera d’interesse.

Queste le sigle delle associazioni partecipanti: Associazione turistica “Tonnara”, Circolo Armino, Associazione “ProSalus”, “Fogghji di Luna” (tutte operanti a Palmi); Tavolo tecnico di tutela ambientale e Osservatorio ambientale “Iride”,entrambi di Gioia Tauro; Comitato 7 agosto di San Ferdinando;

Movimento 14 luglio di Nicotera. Oltre ad esse, sono stati presenti il Sindaco di Gioia Tauro Aldo Alessio, accompagnato da alcuni amministratori del suo comune, nonché alcuni liberi cittadini, interessati al tema.  

Il dibattito che ne è seguito è stato molto partecipato e ricco di proposte, emerse a partire dalle singole esperienze sul campo e dai correlativi dati acquisiti nel tempo che, se aggregati, possono costituire – è stato più volte detto – una valida base per la elaborazione di un significativo quadro conoscitivo, condizione essenziale per passare alla fase successiva: quella dell’organizzazione di azioni di pressione sui vari livelli istituzionali, fin qui dimostratisi inadeguati a tutelare quello che costituisce il più importante capitale fisso della nostra regione: il nostro mare. 

La sintesi di questo primo incontro può così riassumersi: la formazione del coordinamento tra associazioni (aperte ad altre presenze) oltre che necessaria è da considerarsi non più procrastinabile; l’obiettivo della battaglia comune può efficacemente essere rappresentato dal conseguimento della bandiera blu per tutto il golfo di Gioia Tauro; i primi interlocutori del coordinamento, almeno in questa prima fase, non possono che essere i sindaci dei comuni che si affacciano sul golfo, che devono essere i difensori di prima istanza del nostro mare. Gli stessi sindaci che il 22 luglio scorso, su iniziativa dell’amministrazione comunale di Nicotera, hanno costituito un tavolo tecnico permanente, insediatosi a San Ferdinando il 22 luglio scorso.

Tale tavolo, a parere unanime delle associazioni va rilanciato e, a tal fine, si è concordato di invitare quanto prima detti amministratori a un incontro, per concordare la mappa di un percorso comune e la scelta dei partecipanti al tavolo stesso affinché venga assicurata  adeguata rappresentatività e forza a una battaglia non più differibile, da portare in tutte le sedi istituzionali preposte. Le associazioni hanno concordato di tornare a riunirsi nel corso della settimana entrante.

Palmi, 9 settembre 2019                                      

 Le associazioni partecipanti