Il Natale di Sant’Anna nel segno di Terramala

0
709
I soci di Terramala lo scorso Natale

SEMINARA- Continua a lavorare con grande entusiasmo a Sant’Anna di Seminara la neonata associazione “Terramala”. Tanti gli appuntamenti organizzati durante le festività natalizie che hanno coinvolto l’intera comunità.

La prima iniziativa “Tutti sotto l’albero” ha dato il via alle feste con la partecipazione di tutti gli abitanti che hanno allestito un grande albero di Natale, addobbato da tutti i bimbi presenti.

terramalaLa vigilia di Natale poi, i soci di Terramala si sono trasformati in aiutanti di Babbo Natale a domicilio e hanno consegnato i regali casa per casa per la gioia e la meraviglia dei più piccoli.

La notte di San Silvestro Piazza San Pietro ha ospitato “Luci nel cielo”. A mezzanotte tante lanterne luminose sono state fatte volare nel cielo, per festeggiare il nuovo anno, in una maniera particolare e soprattutto non pericolosa.

«Il gesto delle lampade accese la notte di Capodanno – ha detto il presidente Antonio Casella – è stato un gesto fatto per manifestare il nostro sdegno alla cattiva abitudine dei botti di fine anno. Ma ha voluto anche simboleggiare che- ha proseguito – come tante lanterne accese, la fine di una cosa nella vita coincide sempre con l’inizio di un’altra».

L’attività di questa giovane associazione ha anche destato l’attenzione del primo cittadino Giovanni Piccolo, che ha voluto incontrare i soci il 29 dicembre nella ex scuola elementare, per complimentarsi e per invitarli a collaborare con le altre realtà associative, per la crescita del paese.Terramala

Le iniziative natalizie si sono concluse il 5 gennaio con una tombolata che ha visto una numerosa partecipazione e tanti premi per i presenti.

Grande la soddisfazione del presidente e dei soci per la riuscita delle iniziative che saranno certamente ripetute il prossimo anno.

Terramala inoltre, con i proventi ricavati dalla tombolata, vuole ristrutturare la sala dei Luigini, chiusa da oltre vent’anni e concessa dal parroco Don Mino Ciano, all’associazione.

I soci infatti vogliono realizzare uno spazio polifunzionale per svolgere attività teatrali, cinematografiche, musicali ma anche conferenze, laboratori e attività per bambini.