Ferragosto di lavoro ma senza stipendio per gli operatori di Locride Ambiente di Rosarno

Giannotta (Cgil): «Chiediamo ai sindaco di liquidare a fattura per consentire il pagamento delle spettanze agli operai»

0
392
Il comune di Rosarno
Il comune di Rosarno

I lavoratori del cantiere di Rosarno, (di igiene ambientale) dell’Azienda Locride Ambiente ancora una volta senza stipendio. Hanno trascorso il ferragosto senza stipendio e senza vacanze.

L’Amministratore Delegato della Locride Ambiente (Siderno) Careri Cristian, ha percepito dal Comune di Rosarno il canone di giugno e ciò nonostante, non ha pagato lo stipendio della mensilità di giugno ai lavoratori.

Il Comune di Rosarno ha effettuato il bonifico come da determina di liquidazione N° 436 R.G. del 28/07/2020 (CIG: 8336096C07).- Liquidazione fattura n. 136PA, del 30.06.2020 a “Locride Ambiente S.p.A.” da parte del Responsabile della III UOC – Lavori Pubblici Dirigente Domenica Corigliano.

La Locride Ambiente, le somme destinate agli stipendi li trattiene per poi erogarle ai lavoratori con mesi di ritardo. In questo periodo di Covid 19, tra i lavoratori la tensione e l’esasperazione è alta, la lamentela non è pretestuosa, alla luce dei mutui e dei piccoli prestiti che gravano sugli statini dei dipendenti con il rischio di essere, essi stessi, trascritti presso la centrale rischi delle banche come soggetti insolventi perdendo credibilità per le attuali e future operazioni finanziare. Solo il grande senso di responsabilità dei lavoratori e lo spirito di servizio, mostrato da sempre, anche nel corso di recenti eventi di straordinaria difficoltà per i cittadini, consentono che il servizio venga espletato nella sua interezza con la consueta professionalità senza manifestazioni di protesta che avrebbero penalizzato solo l’incolpevole cittadinanza di Rosarno.

Come FP CGIL chiediamo al Sindaco di Rosarno che la liquidazione delle fatture avvenga con il vincolo al pagamento delle retribuzioni e di farsi parte attiva per garantire regole certe e trasparenti. La FP CGIL è indignata per la gravità della situazione ed ancora una volta afferma e sostiene il diritto al lavoro, alla retribuzione e alla sicurezza sul lavoro.

Il Segr. Gen.le FP CGIL

Patrizia Giannotta