Droga: Arrestati due fratelli gioiesi. Bruciati 55 chili di Marijuana.

piantagione Asi
piantagione Asi

GIOIA TAURO – Due fratelli gioiesi,Eusebio e Antonio Viola, sono stati arrestati ieri pomeriggio con l’accusa di coltivazione e produzione di marijuana.

Cinquantacinque chili di piante sono state estirpate e bruciate dopo essere state ritrovate dai Carabinieri specialisti dello Squadrone Eliportato Cacciatori “Calabria” insieme ai militari della Stazione dei Carbinieri di San Ferdinando, all’interno di un’area che ricade sotto la competenza dell’ASI, nelle vicinanze del porto di Gioia Tauro.

Inquieto
Inquieto Inquieto Ape maia Inquieto

I militari si sono insospettiti da un’auto ferma nella seconda zona industriale e hanno colto in flagranza di reato uno dei due fratelli, Eusebio, classe ’81, ex impiegato del porto, attualmente disoccupato, mentre si prendeva cura di 340 piantine di marijuana, tradotto nel carcere di Palmi.

Il fratello Antonio, classe ’77, fungeva invece da palo. Ha tentato la fuga prima che i Carabinieri lo bloccassero, e si trova adesso ai domiciliari.

Al momento sono in corso le indagini per capire il ruolo dei due uomini anche nello smercio e commercializzazione della droga stessa, sulla presenza di eventuali complici, e per fare chiarezza sul luogo in cui la piantagione è stata ritrovata.