HomeCronacaCosa mia: processo in una fase di stallo

Cosa mia: processo in una fase di stallo

Pubblicato il

PALMI – “Cosa mia”, il maxi processo scaturito dall’omonima operazione di Polizia del 2010, che ha inferto un durissimo colpo alle famiglie Gallico-Morgante-Sgro-Sciglitano di Palmi, e Bruzzise-Parrello di Seminara, è ancora fermo alle questioni preliminari sollevate dai collegi difensivi degli imputati.

Anche quest’oggi in aula bunker, si è assistito alla oramai consueta sospensione, che da ben quattro udienze caratterizza questo processo.

Eccezioni su eccezioni, questioni a valanga, che costringono la Corte d’Assise della sezione penale del Tribunale di Palmi a ritirarsi per decidere, e che non fanno altro che rallentare i tempi di questo delicatissimo procedimento.

Anche oggi la Presidente della Corte Silvia Capone (Gaspare Spedale a latere) si è trovata a dover decidere su una serie di questioni sollevate dalle difese, con il risultato di ben tre pause, una delle quali di oltre quattro ore.

Rigettate tutte le richieste dei collegi e accolte quindi le opposizioni dei Pubblici ministeri della Dda reggina Roberto Di Palma e Giovanni Musarò, titolari dell’inchiesta.

Unica novità da rilevare, è la rinuncia alla difesa dei propri assistiti da parte di  Francesco Cardone e Giovanni Marafioti, coinvolti nell’inchiesta della Dda di Milano che mercoledi’ scorso ha portato all’arresto di 12 persone.

Francesco Cardone ha fatto pervenire una lettera che è stata letta in aula in apertura di processo, mentre Giovanni Marafioti ha letto egli stesso la rinuncia alla difesa dei suoi assistiti.

Viviana Minasi

Ultimi Articoli

Palmi, la Metrocity investe sul Monte Sant’Elia: finanziato progetto di quasi 100mila euro

Versace e Ranuccio: «Riqualificazione ambientale e valorizzazione in chiave turistica»

Cittanova, un ricco cartellone di eventi per le festività natalizie

Numerosi gli eventi programmati dal comitato spontaneo "Cittanova in festa"

Rigassificatore a Gioia Tauro, Occhiuto: «Meloni prenda in mano questo dossier»

Le dichiarazioni del governatore Occhiuto in un'intervista a "La Stampa"

Porti, tasse d’ancoraggio ridotte a sostegno dei traffici portuali

L'obiettivo è di mantenere il primato nazionale di Gioia Tauro nel settore del transhipment. 

Eseguito un mandato di arresto europeo in Grecia per un 32enne ricercato nel Reggino

L'uomo è accusato anche di tentato omicidio nei confronti di un 59enne di Melito Porto Salvo

Uccisero in carcere un educatore, adesso uno degli imputati vuole patteggiare

Si tratta di Vittorio Foschini, coinvolto nell'inchiesta di 'ndrangheta "Wall Street"